Alessio D’Amato: “Vaccino dovrà essere un bene pubblico”

Alessio D’Amato



Alessio D’Amato, assessore alla sanità della Regione Lazio, ha parlato ai microfoni di Radio Cusano Campus durante la visita al campus dell’Università Niccolò Cusano a Roma, per osservare le misure di prevenzione anti-covid messe in atto dall’ateneo a tutela dei propri studenti e dipendenti.

Le affermazioni di D’Amato

“Il modello Unicusano sul fronte della sicurezza e prevenzione può essere preso ad esempio per tutta la rete formativa del lazio. Si è sempre parlato di quello che accadeva nella sanità delle regioni del nord ma anche noi nel Lazio abbiamo fatto un ottimo lavoro.

Stiamo lavorando su un vaccino made in Italy e questo vaccino se tutto andrà nel modo giusto dovrà essere un bene pubblico, un bene di tutti accessibile e gratuito. Sul fronte delle diagnosi e dei test seguiamo l’evoluzione scientifica e tecnologica .

La diagnosi va fatta con i tamponi molecolari. Oggi il test molecolare più veloce impiega 3 ore per diagnosi. Per le attività di screening che faremo per le scuole ci sarà il prelievo naso-faringeo, ma dopo il test antigenico bisogna fare anche il test molecolare”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.