Adinolfi a Radio Cusano: “Chi parla dall’Italia di Bannon non ha idea di chi sia”

mario adinolfi



Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è Desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus. Adinolfi, che sui social aveva difeso Steve Bannon dopo il suo arresto, ha spiegato meglio il suo pensiero.

Giustizia rossa negli USA

“Conosco i meccanismi giuridici americani che sono ancora più politicizzati dei nostri. L’inchiesta viene fatta a New York, distretto che elegge Hillary Clinton al Senato. Non ho voluto porre l’accento sulla situazione giudiziaria. Sono convinto che non c’entri nulla perché Bannon ha gestito svariati milioni di dollari e non credo possa farsi coinvolgere in questa che sembra una “rubacchiata”. Chi parla dall’Italia di Bannon non ha idea di chi sia. È un signore che nel 2016 prende Donald Trump, ai tempi irriso e trattato come un buffone di corte, all’1% secondo i sondaggi all’interno del Partito Repubblicano, e lo porta alla presidenza. Steve Bannon è riuscito a costruire una campagna elettorale che rimarrà epocale. Dopo i primi mesi di presidenza Trump è quasi costretto a disfarsene perché la personalità e la figura di Bannon sono troppo ingombranti”.

Salvini e Meloni non hanno detto nulla

“Ho dovuto leggere un Giuliano Ferrara, che potrebbe spazzolare le unghie a Steve Bannon, dire che Bannon è un cialtrone. Parlo anche di tutti quelli che, quando Bannon stava in Italia, fare la fila per parlare con lui. Avevamo davanti un gigantesco essere umano della politica mondiale. Lo hanno arrestato su uno yacht di un oppositore del regime di Pechino. Bannon è convinto, e così anche io, che il Partito Comunista cinese sia la centrale del male del Mondo. Salvini e Meloni, che stavano anche loro in fila per incontrarlo, non hanno detto una parola. Li ho visti io con i miei occhi. Vedremo gli esiti di questa inchiesta che a 100 giorni dalle elezioni puzza”.

Elezioni

“Ho una grande ammirazione per Bannon con il quale umanamente c’è una certa sintonia. Bannon con Trump ha fatto il capolavoro politico del secolo e Trump perderà queste presidenziali perché non lo ha avuto a suo fianco. Se fosse rientrato Bannon in campo negli ultimi 100 giorni qualcosa sarebbe potuto cambiare”

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.