Carburanti: il costo del petrolio resta stabile ma aumentano i prezzi di listino

carburanti



L’aumento dei prezzi dei carburanti non è da attribuire all’andamento delle quotazioni petrolifere, ma risiede nell’incremento degli spostamenti degli italiani durante la Fase 3. Lo afferma il Codacons, intervenendo sui rincari dei listini presso i distributori italiani.

CODACONS: LISTINI SEGUONO CRESCITA SPOSTAMENTI DEGLI ITALIANI, MA QUOTAZIONI PETROLIO STABILI

Il petrolio registra in questi giorni quotazioni stabili attorno ai 40 dollari al barile, mentre a crescere sensibilmente è l’utilizzo delle automobili da parte degli italiani, che tornano a spostarsi per il paese per raggiungere le seconde case o recarsi al mare – spiega il Codacons –

DA RIALZO CARBURANTI EFFETTI NEGATIVI SUI PREZZI AL DETTAGLIO

Proprio la ripresa dei consumi petroliferi determina un rialzo ingiustificato dei prezzi alla pompa, che danneggia non solo gli automobilisti ma l’intera collettività, con ripercussioni negative sui prezzi dei prodotti trasportati, a partire dagli alimentari – conclude l’associazione.

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.