Dall’Istat dati allarmanti. Dal 2008 la povertà è aumentata del 64%



I dati sulla povertà in Italia continuano ad essere ancora allarmanti, e i numeri dimostrano come la strada per eliminare le disuguaglianze sociali ed economiche nel nostro paese sia ancora molto lunga.

MA DATI 2019 SONO GIA’ SUPERATI

Lo afferma il Codacons, commentando l’indagine diffusa oggi dall’Istat.

“Nel 2019 si contano in Italia 4,6 milioni di individui poveri, un dato che seppur in calo rispetto all’anno precedente appare ancora immenso – spiega il presidente Carlo Rienzi – Basti pensare che nel 2008 il numero di individui in condizione di povertà assoluta era fermo a 2,8 milioni; ciò significa nel periodo 2008-2019 i poveri in Italia sono aumentati del +64%”.

A CAUSA DEL COVID IL 2020 REGISTRERA’ UNA IMPENNATA DELLA POVERTA’ IN ITALIA

Restano inoltre forti differenze sul territorio, con il Mezzogiorno che registra l’8,6% di famiglie povere, quasi il doppio rispetto al Centro (4,5%), a dimostrazione di come le regioni del Sud restino indietro rispetto al resto d’Italia.

“Tuttavia i numeri odierni dell’Istat sono destinati ad essere spazzati via e appaiono già superati: l’emergenza coronavirus determinerà una impennata della povertà nel nostro paese, con numeri che purtroppo risulteranno in forte crescita nel 2020” – conclude Rienzi.

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.