Lezzi: “Per Ex-Ilva la strada giusta è quella tracciata dal ministro Patuanelli”

lezzi



Arcelor Mittal chiede la cassa integrazione per oltre 8.000 operai. È inaccettabile, pur comprendendo le difficoltà non può essere tollerata l’ennesima marcia indietro di questa multinazione che tradisce costantemente gli impegni che assume con gli operai, la città di Taranto e il Governo.

È ormai evidente che sta tentando di prendere in giro tutti cambiando di continuo le carte in gioco. Come dice Patuanelli, è giusto che paghi la penale e lasci gli stabilimenti che devono tornare nelle mani dello Stato per affrontare una volte per tutte la situazione da tutti i punti di vista: occupazione e salute pubblica.

Gualtieri incomprensibile

A me, francamente, risulta incomprensibile la posizione di Gualtieri che preferirebbe trattenere Arcelor pur sapendo che questo comporterebbe esborsi a carico dello Stato per poi ottenere una morte graduale del polo siderurgico. Con tutto il disastro ambientale che ne deriverebbe.

Perché dovremmo, noi tutti cittadini italiani, erogare soldi ad Arcelor che in meno di due anni ha cambiato idea e programmi già troppe volte. Non ci sono le condizioni basilari di credibilità per esporre gli italiani a questo costo.

Interventi necessari

Ma nell’ottica di una rinnovata strategia industriale, è corretto che lo Stato si riappropri della fabbrica, faccia gli interventi necessari usando i fondi europei che potranno essere a disposizione dell’Italia a patto, come ha affermato il commissario europeo per il clima, Timmermans, sia prevista la transizione ad idrogeno. Perché se è vero che si deve garantire il lavoro, è vero anche che si deve iniziare ad avere a cuore la salute dei tarantini.

In seguito, si potrà scegliere se mantenere gli stabilimenti in mano pubblica oppure fare una nuova gara per un’attribuzione ad imprenditori seri.

Per le situazioni straordinarie come questa, servono risposte straordinarie. Senza paura.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22097 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.