Potere al Popolo: che la crisi la paghino i ricchi

potere al popolo



Ieri anche noi siamo stati al presidio in piazza Castello per dire a regione, comune e governo che la crisi questa volta non la vogliamo e possiamo pagare. Insieme a noi c’erano tante delle famiglie a cui abbiamo portato il pacco alimentare durante questa quarantena, perché adesso è arrivato il momento di trasformare la solidarietà in lotte collettive che permettano davvero a tutti e tutte di avere una vita dignitosa. Tanti interventi di lavoratori, precari, disoccupati, tantissime persone che abitano i quartieri più popolari della nostra città.

In tutti gli interventi era chiara la consapevolezza che la crisi per noi esisteva da prima del Coronavirus, che il problema è proprio che siamo arrivati alla crisi sanitaria con un welfare azzoppato e con una ricchezza troppo polarizzata tra chi ha tantissimo e chi non riesce nemmeno a mangiare se gli mancano 15 giorni di paga.

Reddito d’emergenza

Per questo dobbiamo pretendere subito un reddito di emergenza dignitoso e disponibile per tutti coloro che ne hanno bisogno. Ma dobbiamo anche pretendere cambiamenti strutturali per le nostre condizioni di vita: salario minimo, riduzione dell’orario di lavoro, contratti stabili, sanità, istruzione e trasporti pubblici, misure per redistribuire la ricchezza, un piano di rilancio economico che rispetti salute e ambiente e che metta al centro i bisogni del popolo e non i profitti delle aziende!

Quello di ieri è stato solo un primo momento di una mobilitazione e di una lotta che ci dovrà vedere tutti protagonisti nei prossimi mesi.

LE NOSTRE VITE CONTANO!

Fonte: sito Potere al Popolo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22273 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.