Danti: “Macron in questo momento è il motore dell’UE”



Nicola Danti, europarlamentare di Italia Viva, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulle parole di Macron

“Macron in questo momento è il motore dell’UE, sta spingendo moltissimo per far sì che l’UE affronti in maniera decisa questa crisi. Ha avuto parole molto forti dicendo che l’Europa all’inizio è stata molto disattenta rispetto a quanto stava accadendo in Italia.

Ora mi pare si stia imboccando la strada giusta. Macron ha creato un’alleanza tra una serie di Paesi che vogliono spingere verso un’Europa più forte e solidale. Credo che Macron intrattenga rapporti con tutte le istituzioni italiane. Certo, ricordiamo che ci fu un momento di grande tensione con il precedente governo che aveva lo stesso presidente del Consiglio. In quel momento il Presidente Mattarella ha svolto un ruolo decisivo per ricucire”.

Sulla fase due

“L’Europa formalmente non ha potere sulle riaperture, ciascuno Stato decide come meglio crede. In gran parte dell’Europa tanti Paesi non hanno chiuso quanto l’Italia e questo è un problema per il nostro Paese. Molte aziende in altri Stati hanno continuato a produrre.

E’ chiaro che la Commissione Ue cerchi di dare una linea di indirizzo, anche per evitare concorrenza sleale all’interno del continente. Il tema oggi è riaprire in sicurezza, lo stanno facendo gli altri, alcuni non hanno mai chiuso. C’è un po’ di stupore nel vedere che non abbiamo una prospettiva chiara per uscire da questa situazione”.

Sull’Olanda

“Uno dei primi ambasciatori italiani, quando l’Ue era agli albori, aveva dato un’istruzione molto chiara ai nostri rappresentanti: quando non sapete cosa fare, fate il contrario di quello che fa l’Olanda.

Gli interessi dell’Olanda probabilmente sono diversi dai nostri, anche se in molti eurodeputati olandesi ho trovato molta attenzione rispetto al nostro Paese. Abbiamo bisogno di far capire agli olandesi e agli altri Paesi scettici che abbiamo bisogno di fare uno scatto in avanti”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.