De Petris: “Per l’Unione europea ultima chiamata”

coronavirus



Le critiche al Governo? Occorre «riflettere sul fatto che tutti i paesi del mondo sono stati presi di sorpresa» dall’emergenza coronavirus. Lo ha detto Loredana De Petris (Misto-LeU), intervenendo in aula al Senato sulle comunicazioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. «Di fronte a questa esplosione imprevista – ha affermato – ci sono stati certo, incertezze, qualche oscillazione ma dovute all’estrema difficoltà di anticipare gli eventi, di capire come si evolveva il contagio, peraltro in nessuna parte del mondo si è diffuso con le modalità della Lombardia. Ma tutti possiamo dire con orgoglio che il Paese ha saputo reagire».

Guardando alla prospettiva, De Petris ha chiesto

«Investimenti sulle cose che servono in questo paese, abbiamo visto cosa significa sacrificare la sanità: quando questo sarà finito non dobbiamo dimenticarlo». Per affrontare le conseguenze della pandemia, ha spiegato, «è necessario mettere in campo tutti i mezzi a disposizione dell’Unione europea, e sappiamo che c’è chi si oppone, si è compattato il fronte dei Paesi del Nord. L’Ue ha dato pessima prova di sé già nella crisi dei debiti sovrani nel 2010, oggi si trova di fronte a una sorta di prova d’appello ma dobbiamo sapere che probabilmente non ci saranno altre occasioni, questa è l’ultima chiamata».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19974 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.