Barbagallo (segr. gen. Uil): “Coniugare sicurezza e salute al lavoro.”



Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Riguardo la sicurezza sul lavoro

“Se non si coniuga la sicurezza e la salute al lavoro, rispetto a questa tragedia sanitaria, il problema lo avremo sempre di più. Siamo in ritardo per assicurare la sicurezza ai lavoratori, lo vediamo ad esempio con le mascherine. Nel passato si sono fatti tagli lineari, non si è investito nella sanità e oggi mancano medici, infermieri, attrezzature e infrastrutture. Abbiamo bisogno di un Paese unito, dobbiamo fare interventi, stare attenti ai furbetti del profitto, nessun posto di lavoro si deve perdere, questo è uno dei problemi che abbiamo posto sul protocollo. Dobbiamo evitare che il Paese entri in recessione e non ne esca. Dobbiamo riprendere il nostro posto economico meglio di prima. Oggi ci dicono che i nostri sistemi di sicurezza per affrontare il virus sono presi ad esempio, non dobbiamo essere primi solo nei contagiati ma nei metodi di affrontare questa emergenza”.

Sulla contrattazione

“Chiediamo di firmare i contratti. Dopo aver sconfitto questo virus, dovremo metterci intorno al tavolo per dare più soldi ai nostri lavoratori e pensionati. Abbiamo un problema economico nel Paese perchè il 75% delle nostre imprese lavorano nel mercato interno e se lavoratori e pensionati non hanno potere d’acquisto queste aziende non si riprenderanno mai. I pensionati sono la parte più debole del Paese e bisogna stare attenti. Ieri ho scritto una nota alla presidenza del Consiglio affinchè chieda alle tv nazionali di trasmettere qualche ora di trasmissione di terapia per quanto riguarda la possibilità di deambulare in casa perchè da questa vicenda quelli che ne usciranno peggio sono proprio gli anziani”.

Sull’Europa

“Questa pandemia ha dimostrato che le ricette che l’UE ci ha propinato fino ad oggi non sono giuste. Bisogna abolire tutta quella austerity che ha reso più poveri i nostri Paesi”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13103 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.