Un appello agli ADMIN dei Gruppi Facebook e soprattutto agli utenti: controllate!



Quando parliamo di social network la maggior parte di noi pensa a Facebook specialmente se ci rivolgiamo ad un pubblico più adulto. Infatti da diverse analisi effettuate il social più utilizzato nella fascia 30/ 65 è proprio Facebook.

Verificate sempre!

La verità è che con il passare del tempo questa piattaforma è diventata non solo di uso comune ma anche “autorevole” infatti spesso sentiamo dire “si l’ho letto su Facebook” come se quello che viene pubblicato su questa piattaforma fosse la sacrosanta verità.

Nel corso del tempo poi si sono formati i gruppi che di fatto hanno sostituito quello che all’epoca erano i forum, oggi ci sono gruppi legati alla geografia, all’interesse, agli hobby, diciamo che ne possiamo trovare per tutti i gusti. Ogni gruppo ha un numero di utenti illimitato e quindi al suo interno ci sono moderatori e amministratori che gestiscono quello che viene pubblicato. Va ricordato infatti che quello che viene scritto su Facebook è utilizzabile in fase di processo quindi un’offesa sul social network è penalmente perseguibile.

Affrontare un’emergenza come questa

Il problema nasce quando siamo chiamati ad affrontare un’emergenza come questa legata al coronavirus. Già sugli stati personali delle persone leggiamo centinaia e centinaia di castronerie ma la cosa grave è che spesso sui gruppi, vere e proprie comunità, si condividono informazioni non da fonti ufficiali e che possono creare più danni che benefici.

Prendiamo il fatto delle mascherine, ogni giorno qualcuno dice di sapere come si usano e quando vanno usate perché lo ha sentito dire. Cari lettori oggi il “per sentito dire” non va più bene perché ci sono persone che possono fraintendere, che hanno delle patologie, che soffrono di stati d’ansia o di depressione, capite cosa significa se noi pubblicassimo per sentito dire che c’è un focolaio in questa o in quella zona senza accertarsi che arrivi da una fonte ufficiale?

Con questo non voglio attaccare i gruppi Facebook perché non è giusto ma invito ad una moderazione maggiore da parte degli admin e soprattutto da parte degli utenti. Ho deciso di scrivere questo pezzo dopo aver letto in un gruppo di Ostia questo post che vi allego:

Un appello agli ADMIN dei Gruppi Facebook e soprattutto agli utenti: controllate!

E soprattutto dopo che altre persone hanno contestato e redarguito l’autore del post la giustificazione è stata “Si ma c’era scritto fate girare”.

Ecco oggi siamo tutti chiamati a fare un passo indietro a cercare le fonti ufficiali che sono quelle mediche come lo Spallanzani per esempio che rilascia un bollettino ogni giorno. Quelle della Regione Lazio che ogni pomeriggio rilascia i numeri dei contagi, le zone e le ASL ben catalogate e suddivise. Ecco aiutiamoci tutti.

Concludo dicendo che condividere l’opinione di un medico sconosciuto sudamericano o di una foto presa chissà dove non solo è allarmismo ma è soprattutto da incoscienti!

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13109 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.