Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia: campagna del Codacons contro l’uso indiscriminato di immagini di minori su web e social network

giornata internazionale per i diritti dell'infanzia



In occasione della Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia il Codacons lancia una campagna contro l’uso indiscriminato di immagini di minori su web e social network.
Con l’avvento dei social la privacy dei minori è stata messa a serio rischio – spiega l’associazione – Sempre più spesso gli influencer ricorrono alle foto dei propri figli per pubblicizzare marchi e prodotti, mettendo l’immagine dei minori alla mercé di tutti, considerato l’elevato numero di follower di vip e personaggi famosi.
Una pratica che contrasta con la normativa nazionale e internazionale, in quanto la tutela della vita privata e dell’immagine dei minori ha trovato tradizionalmente cittadinanza nell’ordinamento italiano nell’art. 10 c.c. (concernente la tutela dell’immagine); nel combinato disposto degli artt. 4,7,8 e 145 del D.Lgs. 30.06.2003 n. 196 (riguardanti la tutela della riservatezza dei dati personali) nonché negli artt. 1 e 16 I co. della Convenzione di New York del 20-11-1989, ratificata dall’Italia con legge 27-5-1991 n. 176 laddove, in particolare, l’art. 16 stabilisce che: “1. Nessun fanciullo sarà oggetto di interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza e neppure di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione. 2. Il fanciullo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o tali affronti”), sottolineando in modo netto come debba essere necessariamente data preminenza agli interessi e alla dignità del minore”.

CODACONS AVVIA CAMPAGNA CONTRO USO INDISCRIMINATO DI FOTO DI MINORI SUL WEB E INVITA CITTADINI A SEGNALARE ABUSI

Anche l’art. 8 delle Regole di Pechino, intitolato “Tutela della vita privata”, prevede che “il diritto del giovane alla vita privata deve essere rispettato a tutti i livelli, per evitare che inutili danni gli siano causati da una pubblicità inutile e denigratoria”.
Di fronte alla sistematica violazione di tali norme, social network come Instagram o Facebook non hanno fatto nulla per tutelare la privacy dei minori ed evitare che le loro foto finiscano nella rete della pedopornografia. Per tale motivo il Codacons invita tutti i cittadini a segnalare all’associazione i casi in cui sui social appaiono immagini di minori in spregio delle disposizioni vigenti, segnalazioni che poi il Codacons trasformerà in denunce agli organi competenti, e invia una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché rompa il silenzio dell’Autorità per l’infanzia su tale argomento e inviti i social a rifiutare la pubblicazione di foto di bambini per speculazione commerciale.

 

Codacons Comuicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.