Napoli e i suoi mille colori

Napoli e i suoi mille colori



Oggi ho provato a chiedermi “Quante Napoli conosci?” Ogni tanto, la mia indole riflessiva e la mia attrazione fatale per il dubbio, mi impongono di pormi domande  provando a darmi autonomamente risposte. Talvolta il quesito è pertinente al mio micro cosmo, altre volte, invece, mi piace guardare la realtà con i miei occhiali provando a comprendere per poi crescere.

Io, dopo un lungo dibattito interno, ritengo che, malgrado le sue innumerevoli contraddizioni e le sue mille “paure”, citare Pino è sempre un obbligo morale, Napoli è una, unica, sola, solo che ha mille colori e pertanto  nella tua mente si sgretola in mille variopinti frammenti.

Una scala cromatica che ti meraviglia  e affascina perché rievoca l’ arcobaleno.

Conosco l’ intenso rosso  del sugo del pomodoro,  il giallo brillante della sua sfogliatella,  il bianco del costume di Pulcinella, il verde emblema della speranza,  un napoletano vero può perdere tutto ma  si ostina a sperare con veemenza, l’ arancio imbarazzato del suo tramonto, il grigio dell’asfalto e poi il ceruleo del suo mare e del suo cielo e come non citare il marrone caffè. Ad essere onesti c’è anche il nero, il colore che “inguaia” la nostra stupenda cartolina, perché fa paura.

Per me è il manifesto della parola camorra.

Per parlarvene, con sommessa modestia, mi appello ad una frase di Lorenzo Marrone, giornalista e scrittore partenopeo , che scrive “Camorra è una parola che non si usa, non si può pronunciare”. Dalle nostri parti vige questa legge orale, è una parola “tabù” ci convivi pacificamente, sforzandoti  di non vedere. Non è omertà è solo una pacifica astrazione.

Come continua  Marrone, tuttavia, “ Qui la camorra puoi anche far finta di non vederla, se ti riesce; lei ti cammina accanto, ti sfiora come una leggera brezza primaverile e ti sconcica un po’ i capelli.” Ecco, da qualche giorno, io come molti altri, ho i capelli arruffati per via di una maledetta bomba esplosa nella notte ,tra martedì e mercoledì, nel pieno centro storico dinanzi alla popolare pizzeria “Sorbillo”, eccellenza napoletana, campana ed italiana nel mondo.

La denuncia è partita, come ormai sappiamo, dai social attraverso la pagina Facebook del suo titolare, Gino, che ha deciso di mostrare un cartello eloquente “chiuso per bomba, riapriremo presto”

A corredo di questa foto un post autentico e accorato:” Dopo l’incendio di 5 anni fa adesso arrivano anche le bombe… Mi scuso con tutta la Napoli “buona”, l’Italia “buona” e con tutte le persone che vivono onestamente perché certi avvenimenti così forti ed eclatanti fanno cadere le braccia e demoralizzano la società. Sono stato nell’Arma dei Carabinieri ed ho scelto di fare il Pizzaiolo perché amo troppo la mia città e la amerò per sempre. La Napoli “sana” è sempre nel mio cuore”.

Un post che oserei definire “paradossale” dove gli onesti, vinti, si scusano con quelli fatti della “stessa pasta” perché i disonesti, che finiscono per diventare vincitori, impediscono la regolare attività di un locale pubblico .

Forse, a mio umile avviso, da figlia di questa Terra, il non detto è ancora più amaro. La Napoli “buona”, saporita come la pizza, quella che ogni giorno ha le mani sporche di “dignità” di “fatica” soppravivve da anni con “o core” ai suoi figli, intelligenti e istruiti, che salutano le madri per riempire una valigia di sogni;  al veleno della diossina sperimentando il brivido di far diventare complesso la semplice spesa al supermercato, a chi la dipinge come un eterna Gommorra; a chi inneggia il Vesuvio per una stupida, sciocca, partita di calcio; a chi la immagina parassitaria in attesa di un sostegno economico, senza contare la lotta interna con la Napoli “cattiva”.

Un presepio incantevole, la città, con alcuni “pastori” che la scolorano, deturpandone la bellezza, usando armi invece di parole d’ amore , come sarebbe più consono.

L’immortale fascino della sirena “Parthenope” con il suo cantò ammaliò persino Cupido. O forse lo sto immaginando adesso ma non importa perché l’amore, fidatevi, è nato qui.

Ed è il solo mezzo di difesa che i “buoni” possono e devono usare sui i cattivi. osì domani, sabato, alle 11:30 una “bomba” di cultura, più assordante di quella esplosa nella notte, esploderà con prepotenza dinanzi alla pizzeria “Sorbillo”.

L’ iniziativa, promossa  dalla compagnia teatrale “Puteca Celidonia” e la Onlus Opportunity, è tesa a preservare la ricchezza del patrimonio culturale partenopeo vendicando in tal modo l’ ignobile attentato. Un flash mob che con la poesia reagisce all’odio, alla violenza,alla rabbia. “Rispondiamo con la bellezza della cultura e dell’ arte , a chi imbruttisce i nostri territori”con questo mantra, Davide d’Errico,presidente della Onlus Opportunity, invita il popolo napoletano a schierarsi  aderendo al suo flash mob. Chiunque, infatti, potrà recarsi dinanzi alla pizzeria con un foglio di carta con su stampato una poesia o una canzone legata alla millenaria tradizione partenopea, o anche  decidere di  cantare o suonare uno strumento. Ognuno potrà , quindi, difendere la propria identità attraverso l’ arte .

Dopo che i partecipanti avranno terminato la propria esibizione, milioni di palloncini e fogli di carta saranno  fatti fluttuare liberamente per poter restituire simbolicamente alla città la sua magnificenza  devastata da chi decide di essere nemico della sua stessa terra.

Un segnale forte e chiaro che la Napoli “buona”, attraverso l’anima ribelle e creativa dei suoi giovani,  può piegarsi ma non spezzarsi.

O’ napulitan s’ fa sicc’, ma nun mor, non è solo una colorita espressione proverbiale, anzi, è una filosofia insita nell’animo di un popolo, che dopo storie di denominazioni e soprusi, non getta mai e comunque la spugna inventandosi persino soluzioni .

Confidando in chi ama la sua città , vi invitiamo a scendere uniti e in massa per gridare un forte e decisivo “no” alla camorra,  alla faida, violenza, all’ odio, alle pagine di cronaca nera , alla cattiveria che arma un uomo contro un ‘ altro.

Dinanzi ai gesti cruenti si deve scegliere la via dell’ amore  e della cultura perché l’ ignoranza, che a sua volta innesca la cattiveria, è facilmente attaccabile.

La forza delle idee condivise è immensa può distruggere più di una bomba, perché l’ intangibile è incontrollabile, non si può disinnescare.

Insieme si può rialzarsi, più forti.

Wagliù è na bomb sol, nujè simme è’ cchiu.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.