Macomer (NU): picchiato e rapinato in casa

Casal Palocco



Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Macomer, unitamente al personale del Reparto Squadriglie del Comando Provinciale di Nuoro e alle unità cinofile di Cagliari, hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Oristano su richiesta di quella Procura della Repubblica, sottoponendo alla custodia cautelare in carcere  i fratelli F.A. 44enne e F.G.L.  45enne,  entrambi  di Macomer e con precedenti di polizia.

Picchiato per “questioni personali”

In particolare, il G.i.p., sulla scorta delle indagini condotte  dai Carabinieri sotto l’egida della Procura della Repubblica di Oristano, ha ritenuto condividere le ipotesi investigative e sussistere le esigenze cautelari per il reato di rapina in abitazione (art. 628 co 3 bis c.p.).
I fatti per cui si procede risalgono al 14 febbraio scorso  quando in  Macomer, all’interno dell’abitazione di un invalido,  i due fratelli piombavano addosso al malcapitato per  “sistemare a modo loro” alcune questioni personali. Dopo aver picchiato l’inerme vittima che riportava 7 giorni di prognosi per le lesioni patite e parzialmente devastato le suppellettili nell’abitazione, compresa una costosa chitarra, si impossessavano con violenza di un orologio finto oro e di un bracciale, di scarso valore commerciale, asportati dal polso dal malcapitato.

Sottratti oggetti di scarso valore

Le indagini condotte dai Carabinieri della Stazione di Macomer, visto il grave evento, sono state portate avanti senza soluzione di continuità con pervicacia e aderenza, consentendo in breve tempo di identificare i malfattori e di dimostrarne anche la presenza in quei luoghi e in orari  compatibili con l’aggressione.
Dopo  le formalità di rito, gli arrestati sono stati tradotti presso il carcere di Massama (OR).

 

Carabinieri Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.