I facchini di Zara in sciopero: non siamo lavoratori in affitto



L’anno scorso, a seguito di una lotta durissima, i lavoratori in appalto presso i magazzini Zara riuscirono ad ottenere una significativa vittoria: l’applicazione del contratto nazionale logistica.

Oggi i lavoratori sono di nuovo sotto ricatto

La multinazionale ha scelto di trasformarli in lavoratori in somministrazione. Così facendo, il contratto nazionale logistica verrebbe aggirato e i lavoratori vedrebbero la busta paga più leggera e i diritti assottigliarsi, in alternativa saranno licenziati. Si vuole imporre la pratica dello staff leasing, cioè del noleggio di uno staff da parte di un’azienda da una agenzia per il lavoro, una forma di precarietà perenne, per questo da giovedì i facchini sono entrati in sciopero.

Solidarietà ai lavoratori in sciopero

Molti dei politici che siedono in parlamento avrebbero il coraggio di chiamare Ortega, il proprietario di Zara con patrimonio netto di 79,5 miliardi di euro, un capitano coraggioso.
Noi invece stiamo dalla parte dei lavoratori.

Solidarietà ai lavoratori in sciopero!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21894 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.