Errani, episodi gravissimi nella Giornata della memoria



Ieri era la giornata della memoria: si ricorda il giorno in cui l’armata rossa liberò il campo di concentramento di Auschwitz e, simbolicamente, l’orrore della Shoah. Una giornata, purtroppo, sempre più necessaria.

Antisemitismo

Nei giorni passati infatti nell’approssimarsi del giorno della memoria sono avvenuti una serie di atti vergognosi, di matrice nazifascista e antisemita, che destano grandissima preoccupazione. Il 24 gennaio a Mondovì è apparsa la scritta “Juden hier” (qui ebrei) sulla porta di casa del figlio della partigiana Lidia Beccaria Rolfi, il 26 gennaio a Monza è stato danneggiato il monumento che ricorda le vittime dei lager nazisti, sempre il 26 gennaio a Guastalla è stata danneggiata una pietra di inciampo dedicata ad Aldo Munari, il 27 gennaio a Torino di fronte all’abitazione di una signora di origini ebraiche è apparsa la scritta “crepa sporca ebrea”.

Giornata della Memoria

Oltre a questi e ad altri fatti sono giunte ieri anche inquietanti minacce via Twitter alla senatrice Liliana Segre, al direttore di Repubblica Carlo Verdelli e al giornalista Paolo Berizzi a cui va tutta la mia solidarietà. Sono episodi gravissimi che segnalano il riemergere di sentimenti inaccettabili e antiumani di antisemitismo e razzismo, sentimenti che portano ad azioni purtroppo non più isolate e nemmeno infrequenti. Tutta la politica, le istituzioni e la società devono rispondere con fermezza perché questa inaccettabile spirale di odio abbia fine, la libertà di cui godiamo oggi non è scontata e non si può permettere che si dimentichi l’orrore che è stato.

 

Lo scrive il senatore Vasco Errani su Facebook.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.