Il Codacons dopo la tragedia delle due giovani investite e uccise a Roma, chiede verifica sui controlli stradali



Ancora una grave incidente stradale a Roma che ha causato la morte di due ragazze investite a Ponte Milvio. Un episodio che porta alla ribalta la questione della sicurezza stradale nella capitale.

CODACONS: ROMA E’ “GIUNGLA STRADALE”. PROCURA ACCERTI CONTROLLI ESEGUITI SU STRADE DA PARTE DELLE FORZE DELL’ORDINE

“Roma è una vera e propria “giungla stradale” dove regna oramai l’anarchia e il rispetto delle regole del Codice della strada è sempre più un miraggio – spiega il presidente Carlo Rienzi – A dirlo sono i numeri ufficiali su incidenti, morti e feriti registrati sulle strade della capitale: il 2018 si è chiuso con un bilancio tragico di 143 morti a Roma, di cui oltre un terzo (57 vittime) sono proprio pedoni. Non va meglio nel 2019: solo nei primi 11 mesi dell’anno, e solo nell’area urbana della città (escluso Gra e zone oltre il Gra) gli incidenti sono stati 27.000, con 111 vittime e 12.568 feriti“.

CONDIZIONI DISASTROSE DELL’ASFLATO E STRISCE INVISIBILI INCREMENTANO INCIDENTI

“L’elevato numero di incidenti stradali a Roma è determinato da un lato dall’assenza di controlli da parte delle forze dell’ordine, che porta gli automobilisti a trasgredire in modo sistematico le regole, certi di non incorrente in sanzioni, dall’altro dal peggioramento delle condizioni dell’asfalto e dalla segnaletica inadeguata, come le strisce pedonali invisibili in molte zone della città – prosegue Rienzi – Per tale motivo chiediamo alla Procura di estendere le indagini sulla tragedia di Ponte Milvio, verificando eventuali responsabilità per concorso dell’amministrazione comunale e accertando quanti e quali controlli stradali siano stati eseguiti dalle forze dell’ordine ieri nella zona teatro dell’incidente”.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.