Natale 2019, aumenta la spesa di panettoni e pandori



55 milioni di panettoni e pandori finiranno sulle tavole degli italiani durante le festività, dando vita ad un giro d’affari pari a circa 300 milioni di euro, in crescita del +7% rispetto al 2018. Lo afferma il Codacons, che conferma come anche quest’anno le famiglie non rinunceranno ai dolci tipici del Natale.
I consumatori italiani sono sempre più attenti alla qualità, e la crescita della spesa è legata sostanzialmente ai cambiamenti nelle abitudini delle famiglie: sono sempre più numerosi, infatti, i cittadini che scelgono panettoni e pandori artigianali, realizzati da pasticcerie o forni, al punto che i consumi di tale prodotto salgano quest’anno del +9% rispetto al 2018. Molto in voga anche i dolci vegani o senza lattosio, che hanno invaso oramai il mercato e sono presenti in tutti i supermercati d’Italia.

CONSUMATORI SEMPRE PIU’ ATTENTI ALLA QUALITA’: VOLANO PANETTONI ARTIGIANALI, +9% SU 2018

L’80% delle famiglie italiane (quasi 21 milioni di nuclei) non farà mancare il panettone o il pandoro sulle proprie tavole durante le feste, che sia industriale, di pasticceria o realizzato in casa, con una spesa media pari a circa 14,3 euro a famiglia per l’acquisto dei due prodotti – stima il Codacons.

L’associazione diffonde infine i consigli utili ai consumatori per scegliere in tutta sicurezza panettoni e pandori:

– Leggere l’etichetta: fornisce informazioni sugli ingredienti del prodotto e dà indicazioni sulla provenienza del panettone e sullo stabilimento di produzione.
– Data di scadenza: il panettone non dovrebbe avere una conservazione superiore ai 3 mesi, altrimenti potrebbe essere troppo ricco di conservanti.

CODACONS DIFFONDE I CONSIGLI PER GLI ACQUISTI DEI DOLCIUMI DURANTE LE FESTE

– Controllare gli ingredienti: in base al Decreto Ministeriale del 22/07/2005 e al Decreto del 16 maggio del 2017 il panettone deve contenere obbligatoriamente farina di frumento, zucchero, uova di gallina di classe A (uova fresche) o tuorlo d’uovo in una percentuale non inferiore al 4%, un minimo di 16% di burro, uvetta e scorze di agrumi canditi (almeno il 20%) e lievito naturale. Il pandoro invece farina di frumento, zucchero, uova di gallina di categoria “A” o tuorlo d’uovo, o entrambi, in quantità tali da garantire non meno del 4% in tuorlo, burro, in quantità non inferiore al 20%, lievito naturale, aromi di vaniglia o vanillina. Tutte le versioni speciali dei due prodotti (glassati, farciti, ecc.) devono riportare in etichetta la tipologia di crema utilizzata per la farcitura.
– Osservare l’interno: un buon panettone al taglio deve risultare soffice, profumato, senza buchi nella pasta o cupola e fondo bruciacchiato, con gli alveoli grandi e non omogenei.
– Prezzi: il packaging influisce sensibilmente sul prezzo finale di pandori e panettoni. Le confezioni in latta o altri materiali hanno un costo più elevato rispetto alla classica carta o alla plastica, e fanno salire il prezzo del prodotto ma ciò non equivale ad una maggiore qualità.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.