Black Fiday. Indetto sciopero dei lavoratori Amazon di Torino e Cuneo



Lo sciopero indetto dai lavoratori Amazon delle sedi di Brandizzo (Torino) e Marene (Cuneo) nei giorni immediatamente precedenti al Black Friday è assolutamente inopportuno e causerà disagi e problemi ai consumatori italiani. Lo afferma il Codacons, che chiede di differire la protesta.

ASSOCIAZIONE CHIEDE DI DIFFERIRE PROTESTA

“Condividiamo le ragioni dei lavoratori, perché la sicurezza e la legalità deve essere garantita, ma riteniamo sia sbagliato colpire gli utenti nel momento dell’anno in cui si concentra un elevato numero di acquisti online – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il giro d’affari del Black Friday in base alle stime del Codacons raggiungerà quest’anno 2 miliardi di euro, con 1,4 miliardi di euro di transazioni eseguite tramite le piattaforme dell’e-commerce e una crescita degli acquisti del +20% rispetto allo scorso anno.

CAUSERA’ DISAGI UNICAMENTE AD UTENTI

Per tale motivo la decisione di indire nel periodo del Black Friday uno sciopero che coinvolge una azienda leader del settore come Amazon, rischia di causare pesanti ritardi nelle consegne delle merci ai clienti, con danni e disagi unicamente per i consumatori”.
“Invitiamo pertanto i lavoratori a differire la protesta, portando avanti le proprie sacrosante rivendicazioni senza colpire gli utenti che non hanno alcuna colpa o responsabilità per i comportamenti di Amazon” – conclude Rienzi.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.