ArcelorMittal. Nessun accordo senza risarcimenti a malati e famiglie delle vittime



Nessun accordo tra Governo e ArcelorMittal sarà accettato se non saranno previsti espressamente indennizzi per le vittime dell’inquinamento causato dall’Ilva. Lo afferma il Codacons, commentando i risultati dell’incontro tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e la famiglia Mittal.

NEL CONTENZIOSO APERTO A MILANO ASSOCIAZIONE SI OPPORRA’ A QUALSIASI ACCORDO CHE NON PREVEDA RISARCIMENTI PER I MALATI E PER FAMIGLIE DELLE VITTIME

“Siamo favorevoli al buon esito delle trattative avviate dal Governo per salvare l’acciaieria e i lavoratori, perché consentirà di portare a termine gli interventi di bonifica previsti dal contratto, ma se si arriverà ad un nuovo accordo con ArcelorMittal questo dovrà prevede espressamente risarcimenti per i cittadini di Taranto che si sono ammalati a causa dell’inquinamento ambientale e per le famiglie delle vittime, questione rimasta finora senza soluzione – afferma il presidente Carlo Rienzi – In caso contrario il Codacons, nell’ambito del contenzioso legale aperto dinanzi al Tribunale di Milano, si opporrà con qualunque mezzo ad un accordo con l’azienda, nell’esclusivo interesse dei cittadini i cui diritti non stati tutelati né dallo Stato, né dalla famiglia Mittal”.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.