Codacons chiede a Procure Taranto e Milano arresto dirigenti ArcelorMittal



Valutare l’arresto dei dirigenti di ArcelorMittal e procedere subito al sequestro dei beni dell’azienda, bloccando i contratti in corso in Italia e pignorando i crediti presso i contraenti. A chiederlo il Codacons, che domani presenterà in tal senso una nuova istanza alle Procure di Milano e Taranto che già indagano su ArcelorMittal.

PROCEDERE A SEQUESTRO DEI BENI BLOCCANDO TUTTI I CONTRATTI IN CORSO IN ITALIA E PIGNORANDO CREDITI PRESSO TERZI

Crediamo che, a fronte dei possibili gravi reati a danno dell’economia nazionale per cui già la magistratura prima a Milano e poi a Taranto ha aperto apposite indagini, si debbano valutare misure estreme come l’arresto dei dirigenti di ArcelorMittal responsabili della grave situazione che rischia di avere conseguenze pesantissime per il paese – spiega il Codacons – Domani presenteremo una apposita istanza alle Procure di Taranto e Milano in cui si chiede di disporre il sequestro urgente di tutti i beni mobili e immobili di proprietà di ArcelorMittal e quelli privati dei dirigenti della società, oltre che il blocco dei contratti in corso e il pignoramento dei crediti che l’azienda vanta presso terzi, a garanzia dei dovuti indennizzi che dovranno essere riconosciuti allo Stato Italiano nel caso siano accertati reati o illeciti.

TUTTI I CITTADINI DI TARANTO POSSONO COSTITUIRSI PARTI OFFESE E CHIEDERE UN RISARCIMENTO. DOMANI SUL SITO CODACONS IL MODULO DA SCARICARE

Anche i cittadini di Taranto e i lavoratori dell’ex Ilva potranno attivarsi per chiedere un risarcimento ad ArcelorMittal: a partire da domani sul sito del Codacons sarà pubblicato il modulo attraverso il quale residenti e lavoratori potranno costituirsi parte offesa nelle inchieste aperte dalla magistratura e avviare così l’iter per ottenere un risarcimento danni in un eventuale processo.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.