I ringraziamenti del Papa all’Ospedale Bambino Gesù



Nell’Aula Paolo VI, toccante incontro di Papa Francesco con la grande famiglia dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede che celebrare i 150 anni di fondazione.

Oltre 6 mila persone

Oltre 6 mila persone, tra cui medici, infermieri, volontari e pazienti con le loro famiglie, hanno partecipato oggi, in Vaticano, all’udienza del Papa con la comunità dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Un incontro speciale in occasione dei 150 anni dalla fondazione dell’Ospedale del Papa, nato nella seconda metà dell’Ottocento grazie all’iniziativa della famiglia Salviati. Francesco si è rivolto a tutta la famiglia del Bambino Gesù attorniato da piccoli pazienti saliti sul palco durante l’udienza.

Appello alle istituzioni internazionali

Sono passati 150 anni dalla fondazione dell’Ospedale Bambino Gesù, da quando è nata una realtà “grande e preziosa, all’avanguardia e proiettata ancora oggi verso il futuro”. La sua identità più vera, ha spiegato il Papa, è “l’autorità morale dei bambini malati e sofferenti” provenienti da tanti Paesi.

I ringraziamenti

Ringrazio l’Ospedale per la sua apertura al mondo, per aver deciso di farsi carico di queste sofferenze e di questi bambini provenienti da tanti Paesi. So bene che ciò richiede molte risorse economiche, e ringrazio pertanto quanti generosamente stanno contribuendo con le loro donazioni alla Fondazione del “Bambino Gesù”. Auspico che le Istituzioni internazionali sappiano trovare il modo di promuovere sempre più questi corridoi sanitari, nell’attesa che cresca in ogni Paese la capacità di risposta ai bisogni fondamentali della salute.

Mani benedette

Papa Francesco, che ha benedetto le mani di medici e infermieri presenti nell’Aula Paolo VI, ha anche ricordato la storia di una mamma venezuelana, che ha potuto trovare al “Bambino Gesù” le cure di cui aveva bisogno suo figlio Jerson. Riferendosi a quanto scritto da questa madre, il Pontefice ha ricordato la gratitudine di questa mamma per le “mani benedette e meravigliose” che hanno curato Jerson. Rivolgendosi ai medici, ai chirurghi e agli infermieri, il Papa ha esortato a usare “le mani come strumento di cura”:

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24116 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.