La Costituzione, la sconosciuta da chi parla di golpe e inciucci…



Nel pieno della crisi politica più pazza di sempre, tra i fascistelli e gli annebbiati, sono in molti ad invocare le elezioni anticipate. Pensate che tra chi fa della dittatura (il fascismo è stata una dittatura e chi si dichiara fascista, se consapevole di quello che dice, non può essere un democratico; o si è fascisti o si è democratici) il proprio modello politico, invoca le elezioni perché sono democratiche (il loro concetto di democrazia, in realtà, varia a seconda degli orientamenti dei sondaggi. Peccato che dimenticano che in una democrazia le diversità di opinioni, di orientamento sessuale, di religione devono essere tutelate e non combattute e che il colore della pelle, specie se scuro, non è una discriminante). Alla base della loro richiesta c’è l’idea che la sovranità appartiene al popolo e che il popolo deve decidere, sempre.

Addirittura c’è chi parla di golpe e chi invoca chiamate in piazza…In piazza per fare cosa? Impiegassero il loro tempo, invece, a studiare e cercare di comprendere la costituzione.

Questi scappati di casa o da istituti di igiene mentale, purtroppo, non hanno la materia grigia per comprendere che in Italia vige la Costituzione, la legge fondamentale del nostro stato, che stabilisce dei principi fondamentali e inviolabili.

E’ vero che la sovranità appartiene al popolo ma questa deve essere esercitata nelle forme e nei limiti della Costituzione. Costituzione che sancisce che siamo in una democrazia parlamentare che, in soldoni, significa che ogni governo che gode della fiducia del parlamento è legittimato in pieno ad amministrare lo stato; chi parla di inciuci farebbe meglio a dedicarsi agli inciucci, specie alla luce dei risultati elettorali del 2018 (primo partito eletto il M5S, secondo il Pd, terza la Lega, poi gli altri…). E’ legittimato, punto; altre interpretazioni sono fuori dalla Costituzione.

Il Presidente della Repubblica, sempre in base alla nostra Carta, può sciogliere le Camere solo se il Parlamento non è in grado di esprimere una maggioranza di governo.

Ricordo agli scappati di casa che si improvvisano costituzionalisti, che il Parlamento è formato da 2 Camere, dei Deputati e dei Senatori, che restano in carica 5 anni, il tempo di una legislatura. Ciò serve, ad esempio, a garantire una stabilità istituzionale e non offrire il fianco a quei “malati” che invocano le elezioni solo perché i sondaggi dicono sia conveniente.

A questi profughi dalla civiltà sfugge il fatto che il Governo non è un organo eletto dal popolo poiché spetta ai parlamentari (deputati e senatori) esprimere attraverso il voto di fiducia, il loro appoggio all’esecutivo.

Questi infiltrati nella democrazia, infine, non sanno che i deputati e i senatori esercitano le loro funzioni senza vincolo di mandato; questo è un principio base della nostra democrazia rappresentativa.

Ora il fatto che alle elezioni europee ci sia stato un aumento o una diminuzione dei consensi a favore o a sfavore, per la nostra Costituzione non implica nulla al Parlamento, proprio nulla.

Nulla proprio come quello che si trova nelle teste di quanti parlano di golpe.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15757 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.