Cari M5S e Pd o si fa l’Italia (governo) o si muore…



Perché, a mio avviso, è importante che il M5S e il Pd trovino un’intesa per formare un governo di legislatura? Semplice, l’Italia è sull’orlo di una crisi non solo economica ma anche sociale.

L’economia dice che se da un lato l’occupazione è in crescita, dall’altro le paghe sono sempre più basse e si diffonde sempre di più la povertà tra chi lavora. Inoltre occorre disinnescare l’aumento dell’Iva che, qualora dovesse passare, porterebbe una spesa aggiuntiva per ogni famiglia di ben 1.200 euro, nonché una strage di piccole imprese.

Dal punto di vista sociale, poi, l’Italia è sempre più divisa tra Nord e Sud e tra ricchi e poveri. Il disegno leghista dell’autonomia, per fortuna, è bloccato; ma fino a quando? Oggi è già difficile sentirsi italiani da Roma in giù, visto che la qualità dei servizi offerti ai cittadini è più libica che tricolore; figuriamoci se dovesse passare la linea del governatore Luca Zaia…

Invece di elevare il livello dei servizi e renderlo omogeno su tutto lo stivale, i leghisti intendono creare regioni con una sanità di serie A e regioni con una sanità di serie D. Al diavolo la maggiore responsabilità o il miglior modo di amministrare urlati da certi pseudo geni annebbiati. I fatti dicono che gran parte della ricchezza delle regioni leghiste si basa su profitti provenienti dai mercati delle regioni meridionali e che, guarda caso, le regioni dove si evade più il fisco sono le due che più vorrebbero attuare la “secessione dei ricchi”, tenendosi il cosiddetto residuo fiscale.

L’obiettivo di un governo a trazione M5S-Pd dovrà essere non tanto la “cacciata di Salvini”, bensì attuare quelle riforme di cui l’Italia ha urgente bisogno.

Partiamo dall’aumento dei salari e dall’abbassamento delle tasse per giungere alla lotta alle mafie (leggi anche inquinamento delle terre e dei mari) e all’evasione (Salvini e i suoi uomini cosa diranno in merito?).

La questione immigrazione dovrà essere affrontata non con la inutile retorica dei porti chiusi bensì su base globale, per offrire le giuste risposte ad un fenomeno che sempre di più aumenterà a causa dell’emergenza climatica mondiale. Occorre, inoltre, una riforma profonda dei centri di accoglienza e di chi gestisce una “certa” burocrazia; è inaccettabile che debbano trascorrere almeno mille giorni prima che un richiedente asilo abbia la risposta se può rimanere in Italia o tornarsene indietro.

 

Il M5S e il Pd hanno il dovere di provarci, con la consapevolezza del peso enorme delle responsabilità che una simile scelta comporta; occorre ridare agli italiani non solo la speranza ma anche uno stato civile e giusto.

Lasciamo stare i pettegolezzi e le beghe di bassa lega: o si fa l’Italia o si muore.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15757 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.