Castelnuovo di Farfa, Casa dell’olio: alla scoperta di un’antica cultura con JoinBed



Programmare un break dai ritmi frenetici della vita di città, riscoprendo l’antica arte della coltivazione delle olive, finalizzata alla produzione dell’olio extravergine, immersi nell’incantevole scenario di un piccolo bordo collinare? Non una suggestione, ma la proposta della Casa dell’olio della host Lida Cursi, a Castelnuovo di Farfa, in provincia di Rieti.

Uno scrigno di biodiversità per un’esperienza che concilia con la natura, i suoi ritmi e uno stile di vita che riporta le lancette dell’orologio indietro nel tempo. Tra agricoltura biologica e buona cucina a chilometro zero. Architettura e cultura tipiche del territorio laziale, a un’ora di distanza da Roma.

Questi gli ingredienti speciali della Casa dell’olio – che fa parte del network JoinBed, la start-up italiana che offre un’esperienza di viaggio rivoluzionaria – nata dal desiderio di Lida Cursi, quello di aprire le porte della propria casa di campagna, che si erge sui primi rilievi dei Monti Sabini meridionali, e trasmettere la propria passione per la natura e i prodotti che si ottengono dall’agricoltura.

Le parole di Lida Cursi

«Produciamo l’olio extravergine di oliva a livello familiare, con una piccola azienda che ha il privilegio di poter disporre di seimila metri di terreno, coltivati a oliveto. Dai nostri campi parte la nostra missione: condividere i segreti, la manualità, i riti, le pratiche che portano a ottenere il nostro extravergine – racconta Lida Cursi –. Alcuni anni fa ho scelto di trasferirmi dal centro storico alla campagna: avevo un sogno, creare una struttura accogliente dove le tradizioni della mia famiglia potessero essere condivise».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12213 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.