Raggi: “Sotto attacco con gli incendi ai cassonetti”



Così la Sindaca Virginia Raggi sulla sua pagina Facebook:

Ancora danneggiamenti, ancora incendi ai cassonetti ed ai centri di trattamento. Questa notte, all’interno di un terreno privato in via Teano, zona Prenestina, i soliti criminali hanno dato alle fiamme una grossa quantità di rifiuti plastici.

Il rogo è stato domato, grazie all’intervento dei vigili del fuoco, e nessuno è stato ferito o intossicato. Un fatto inquietante che si unisce alla parziale distruzione di un’azienda di stoccaggio a Cisterna di Latina, il cui capannone è stato incendiato solo due giorni fa.

Qualcuno preferisce non vedere, pensare ad episodi isolati e – forse per semplicità o, più che altro, per interesse – preferisce non unire i puntini di un disegno ben preciso.

Il sistema pubblico che gestisce il ciclo dei rifiuti, quello legale, quello della nostra azienda municipalizzata Ama, viene deliberatamente fiaccato da appetiti criminali.

Gli stessi che per anni hanno lucrato, pensando di poter ingrassare a dismisura, spadroneggiando in un terreno fino ad oggi troppo permeabile al richiamo degli “amici degli amici”.

Noi abbiamo posto un freno a tutto questo, e la reazione scomposta di questi “signori” è sotto gli occhi di tutti. Non abbiamo paura, noi andiamo avanti #ATestaAlta, preferendo sempre la strada della legalità. #SottoAttacco

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.