Nicola Rossi: “Flat tax: bisognava farla all’inizio della legislatura”

nicola rossi



L’economista Nicola Rossi, presidente dell’Istituto Bruno Leoni ed ex parlamentare del PD, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla flat tax

“Si può fare, con la necessaria gradualità –ha affermato Rossi-. Questa è la classica riforma che bisognava fare all’inizio della legislatura, perché ci sarebbe stato davanti un orizzonte temporale più ampio e magari sarebbero state utilizzate meglio le risorse impiegate l’anno scorso. Il Paese ha bisogno urgentemente di una riforma complessiva del sistema fiscale perché quello che abbiamo oggi dimostra tutti i suoi 60 anni. Evasione fiscale? Mi sembra interessante il gettito positivo dato dalla fatturazione elettronica. Se riuscissimo ad incrociare le banche dati con le tecnologie si riuscirebbe a fare una vera lotta all’evasione. Limite al contante? Attraverso l’uso del contante passa una parte importante all’evasione quindi il limite è rilevante.

Però non si può esagerare perché siamo un Paese che continua ad utilizzare il contante, è bene che ne usi sempre meno, ma è anche vero che è un Paese piuttosto anziano quindi cambiare certe abitudini non è semplice. Il vero elemento dirimente nella vicenda della riforma fiscale è che non possiamo permetterci di farla a debito, così non funziona. Se il ministro dell’interno dice che i soldi ci sono e sono stati trovati 15 miliardi io sono felicissimo, gradirei solo vedere da dove vengono quei 15 miliardi. Non si può fare a debito perché si genera incertezza, la gente si domanda: quand’è che me li richiederanno indietro? E inoltre, fare una manovra a debito oggi significa fare un regalo a tutti i nostri partner commerciali perché i cittadini i soldi li spendono in importazioni. Cosa diversa sarebbe se si facesse una manovra a debito in tutta l’Eurozona. Mancanza di progressività? Non è vero.

Se la flat tax viene costruita bene, associandola alle opportune detrazioni e ad una zona di
non tassazione per i redditi bassi, l’esito finale è una tassazione progressiva. La progressività
vera non si fa con il fisco, si fa dal lato delle entrate. Il sistema attuale è un bengodi per le
persone più abbienti, una forte sinistra dovrebbe porsi seriamente l’obiettivo di cambiarlo.
Le cose che sono state fatte dalla sinistra sono state sbagliate, mettendo delle pezze o facendo
interventi episodici come gli 80 euro. Gli 80 euro sono stati una misura mal pensata e mal
realizzata, tanto è vero che che milioni di persone li hanno dovuti restituire, e alcune migliaia
li hanno dovuti restituire perché troppo poveri. Quando le cose si fanno così male, vanno
cancellate”.

 Sui minibot

“Tecnicamente è un dibattito poco appassionante, Draghi ha detto tutto quello che c’era da
dire. Questo dibattito sui minibot è nato perché si si vuole preparare l’arsenale per un
confronto molto duro con l’UE, è una maniera di impostare i rapporti con l’UE terribile.
Come abbiamo visto con la Brexit, quando il confronto con l’UE si fa duro, l’Ue è molto
robusta. Noi abbiamo bisogno dell’Europa, l’Europa potrebbe anche fare a meno di noi,
ma non noi dell’Europa. Giorgetti, in maniera molto ironica, ha detto la cosa giusta sui
minibot”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.