Gusmeroli (Lega): “Non potendo ridurre il debito puntiamo a far crescere il pil”

Alberto Gusmeroli



Alberto Gusmeroli, deputato della Lega e vicepresidente della Commissione finanze della Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla risposta alla lettera dell’UE

“La lettera era ampiamente prevista perché il peggioramento del debito pubblico, che ha sortito degli effetti anche importanti in termini di valore nel 2018, è figlio di fatto della finanziaria del 2017. Gentiloni ha fatto una finanziaria blandissima dove stimoli alla crescita sono stati praticamente nulli e siccome il debito pubblico aumenta senza bisogno di fare di nulla perché se non si fa crescita e avanzo primario il debito continua a salire. Noi abbiamo preso in mano il governo a giugno del 2018 e il vero cuore della manovra si è avuto a dicembre con decorrenza gennaio 2019. In più stiamo per approvare decreto crescita e sblocca-cantieri, quindi è il 2019 il banco di prova di questo governo.

Il governo punta a far crescere il pil perché se non riesci a far diminuire il debito devi far crescere il pil, questo è l’obiettivo. Nella manovra di dicembre sono 3 i modi individuati per far crescere il pil: ridurre le tasse alle partite iva con la mini-flat tax, poi quota 100 e il reddito di cittadinanza. Tutte e tre le cose creano maggiori consumi, cioè lavoro per le imprese che producono quei beni che vengono consumati. Inoltre crea gettito iva. Ovviamente la manovra non può sortire effetti prima del secondo semestre del 2019. Tutti gli osservatori economici dicevano che il primo trimestre 2019 sarebbe andato male e saremmo andati in recessione, invece abbiamo fatto un +0,2. Perciò quando Tria si dice ottimista che la crescita nel secondo trimestre sarà superiore a quella prevista nel def ha ragione. La situazione non è certo idilliaca, ma non è nemmeno insostenibile.

Tenete presente che tutti quelli che sono nella Lega, dagli economisti ai meno esperti, arrivano dagli enti locali quindi sono abituati ad affrontare le situazioni difficili. Non è che mentre si cerca un accordo con l’UE si possa lasciare uno Stato fermo e non fare nulla. Stiamo lavorando nell’ottica di risanarlo questo bilancio, ma se hai un debito monstre devi ripagarlo creando un forte reddito. Se una famiglia è fortemente indebitata o riesce ad ottenere soldi gratis da qualcuno fuori dalla famiglia, oppure cerca di lavorare di più e lavorare di più significa aumentare il pil. I critici dicono: questo è poco, quell’altro è poco. Però in realtà noi stiamo lavorando su tantissimi versanti, tutti di crescita. Quando diamo 4 miliardi a 8000 comuni da spendere entro l’anno c’è una certezza della realizzazione di quegli investimenti”.

Su Iva, reddito di cittadinanza e 80 euro

“Per quanto riguarda l’Iva, sterilizzeremo le clausole di salvaguardia. Accettare l’incremento
dell’iva vorrebbe dire deprimere i consumi e incidere sui poveri perché i poveri fanno più
fatica a pagare un’imposta indiretta. Quindi sarebbe ingiusto socialmente e deprimerebbe i
consumi. Per quanto riguarda gli 80 euro, vogliamo trasformarli da bonus a detrazione,
ma per il cittadino non cambierà nulla, non andrà a perdere quei soldi. Per ciò che riguarda
il reddito di cittadinanza, nessuno vuole tagliarlo, però se avanzano dei soldi che non devono
essere utilizzati a persone in cerca di lavoro, lasciarli lì e non utilizzarli sarebbe un delitto.
Potranno essere utilizzati su altri versanti, per ridurre le clausole di salvaguardia o per creare
altri bonus per persone in difficoltà”.

 

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.