Sanità, Rostan: “Reparti vuoti e assistenza a rischio, subito nuove assunzioni”

sanità ospedale



“Entro il 2025 oltre 16mila medici specialisti nel settore pubblico e la metà dei medici attualmente in servizio andranno in pensione. A Questi numeri vanno aggiunti coloro che approfitteranno della Quota 100, complessivamente 41mila aventi diritto dei quali 4,5mila hanno già presentato domanda. Ad aggravare ulteriormente la situazione, la previsione del pensionamento nei prossimi 5 anni di 14mila medici di famiglia, senza contare che, già adesso, mancano tra i 50 e i 60mila infermieri. Quanto basta per far collassare l’intero sistema sanitario nazionale. Bisogna convocare subito un tavolo tecnico presso il ministero della Salute per attivare procedure immediate per il turn over e un piano assunzioni che sia in grado di sopperire a questa emorragia di personale”. Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan, nel corso del question time svoltosi nell’Aula di Montecitorio.
“Non si ha piena cognizione del problema – prosegue la deputata di Liberi e Uguali – soprattutto dell’impatto che quota cento avrà nella sanità pubblica. Ci ritroveremo con reparti ospedalieri chiusi e assistenza negata oltre a liste d’attesa infinite. Non consentiremo che si distrugga il servizio sanitario nazionale in questo modo attentando all’equità e all’universalità delle cure mediche. Se questo governo sta tirando la volata per una sanità completamente privata, sul modello americano, abbia il coraggio di dirlo e se ne assuma la responsabilità di fronte agli italiani”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13137 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.