L’appello dell’avvocato Argia Di Donato



Le ultime vicende che hanno visto il Foro di Napoli protagonista di rappresentazioni, a dire il vero, assai sconvenienti  (mi riferisco alla questione degli ineleggibilità e della inopportunità politica mostrata da alcuni esponenti della nostra rappresentanza locale, nonché alla pervicace incapacità di autocritica ed analisi da parte degli “sconfitti” che non intendono  arretrare il proprio passo neanche di un centimetro) ci lasciano, come avvocati e come cittadini, del tutto esausti e sfiduciati sulle capacità morali e dialettiche dei “nostri” rappresentanti.
La crisi che attraversa i mercati e l’evoluzione temporale sono forieri dello sviluppo di un’avvocatura sempre più debole, sia economicamente sia moralmente. Abbiamo letto, negli ultimi giorni, di avvocati che non riescono a vivere dignitosamente e di alcuni persino costretti a dormire per strada (il caso del collega clochard è quanto mai sintomatico!). Sappiamo di tantissimi colleghi obbligati a cancellarsi dagli albi per la pressione esercitata da Cassa Forense, e di tanti altri che lamentano serie preoccupazioni riguardo al futuro e alle possibilita di una professione che si sta trasformando sempre di più in un mero mestiere.
Intendo, pertanto, rivolgere le mie parole, nella speranza di una ritrovata apertura, al nuovo Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli affinché direzioni il proprio operato, questa volta, sulle azioni reali e concrete, a tutela dei più deboli tra noi e finalizzate al recupero del prestigio, ormai dimenticato da troppo tempo, della nostra categoria per riabilitarla agli occhi della società civile.
Occorre guardare al piano reale e alle necessità più urgenti dell’Avvocatura; è essenziale dare spazio ai progetti delle Associazioni forensi attive sui territori con una dialettica costante basata non più su una mera e sterile polemica di basso livello ma su proposte concrete ed efficaci. E’ doveroso predisporre una formazione politica forense che fornisca le direttrici base a chi auspica alla rappresentanza ed è fondamentale controllare la composizione delle commissioni di studio che devono annoverare tra i propri membri colleghi con specifiche competenze, attestate su base curriculare, onde evitare che si riducano a meri “squadroni” politici e bacini di futuri e abbondanti voti.
Chiedo al nuovo Consiglio di guardare con risoluzione al problema della previdenza e della pressione fiscale nonché alle difficoltà con cui si confronta quotidianamente la giovane avvocatura; mi auguro che potenzi il piano dell’offerta formativa con percorsi sperimentali anche negli studi professionali partenopei di rilievo, e mi aspetto, altresì, che sia diffuso il sapere all’interno del Palazzo di Giustizia con incontri periodici di natura culturale-formativa.
Ai Consiglieri eletti, chiedo di tenere alto il livello culturale ed etico, con atteggiamenti che siano riverbero di decoro, discrezione, e dignità. Più contenuti, dunque, più interassociativi, più assemblee e meno presenza sui social.
Il principio di Unità, spesso invocato e per le ragioni più disparate, deve trovare, ad oggi, accoglimento certo e tangibile.
Unità non vuol dire esseri uguali o pensare allo stesso modo, ma vuol dire camminare, anche in modo eterogeneo, sulla medesima strada. L’Avvocatura partenopea può e deve essere ancora un punto di riferimento per l’intera categoria, anche a livello nazionale, e per la società civile.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13429 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.