Rieti, eccezionale ritrovamento durante i lavori di recupero di Sant’Antonio Abate



Questa mattina il Sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti, ha accompagnato i funzionari della Sovrintendenza alle Belle Arti nel sopralluogo presso la Chiesa di Sant’Antonio Abate di via del Vignola dove, da alcune settimane, sono in corso i lavori di recupero dell’antico portone in quercia. Proprio durante questi lavori è stata ritrovata, all’interno della porta, una moneta della fine del 1600.

“Si tratta di un baiocco risalente al pontificato di Papa Innocenzo XII, un periodo estremamente interessante che vide ben quattro Giubilei, uno ordinario e tre straordinari – ha spiegato il funzionario della Sovrintendenza – L’importante ritrovamento, oltre a permetterci la datazione della porta, ci fa pensare che essa potesse essere proprio un segno giubilare, una sorta di porta giubilare nella Città di Rieti per le persone impossibilitate a recarsi a Roma”.

I lavori in corso sul portone sono gli ultimi, in ordine di tempo, di una serie di interventi avviati dall’Amministrazione Cicchetti in collaborazione con la Regione Lazio finalizzati a contrastare l’abbandono del complesso dell’ex ospedale civile e a restituire decoro agli spazi interni, in attesa di definire le prospettive future dell’immobile e di reperire le risorse necessarie al suo consolidamento e ammodernamento.

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 14677 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.