Sanremo e la rivincita dei salottieri radical chic



Ammetto che anche quest’anno non ho seguito il festival di Sanremo; lo trovo un modo noioso per reclamizzare canzoni che, a mio avviso, nulla hanno a che vedere con la vera musica. Punti di vista…

E’ successo, però, che domenica, mentre guardavo Rai, mi sono imbattuto nella canzone che ha vinto: Soldi di Mahmood.

Devo dire che la prima impressione è stata, poi, confermata da un successivo ascolto: la trovo una vera ciofeca (non si offenda Mahmood, suvvia…). E’ una ciofeca perché non solo il cantante non ha voce ma sia il testo sia il motivo sono roba, sempre per me, tutt’al più per una sagra paesana. Inoltre, a mio parere, non ha nulla a che vedere con la tradizione musicale italiana. Punti di vista…

Questa canzone, vengo a sapere, è stata anche bocciata dal televoto. Migliaia di italiani hanno pagato per votare un altro vincitore, ma la giuria ha deciso diversamente.

La giuria ha lanciato il messaggio che sono loro a comandare con la volontà popolare a non contare nulla.

Come spiego questa discrepanza? Chi ha fatto valere il peso delle proprie decisioni, a mio avviso, ha voluto far passare un messaggio politico. Solo così si spiega il successo di una canzone, dite la verità, insipida.

Nulla contro le origini del cantante: così come le stesse non devono essere un ostacolo altrettanto le stesse non devono essere un elemento premiante. Si è bravi a prescindere, giusto?

C’è da chiedersi, in realtà, sia perché il voto popolare non conta sia perché questa vittoria è stata salutata come un’affermazione politica.

Che senso ha far pagare per votare se, dopo, una giuria è libera di capovolgere la inequivocabile volontà popolare?

Quanti salutano, poi, l’affermazione di Mahmood come una sorta di riscatto politico, non comprendono che sono stati castigati dalle urne anche perché non riconoscono un dato essenziale: la convivenza tra culture diverse non significa cancellare le proprie tradizioni.

Chi cerca di politicizzare questo successo, corre il rischio di diffondere tanti germi dell’odio; non è così che si crea il rispetto tra culture diverse, anzi…

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13435 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.