Poteri forti e sanità: conferenza stampa del M5S al Senato



Stamattina al Senato della Repubblica la collega Sabrina Ricciardi ha organizzato una conferenza stampa con il Presidente della Commissione igiene e sanità Pierpaolo Sileri ove sono intervenuta in qualità di relatrice. E non solo, come vi dirò fra poco.

70.000 posti letto in meno in 10 anni. 175 gli ospedali chiusi. Liste d’attesa sempre più lunghe che incrementano la spesa privata. E per curarsi si contraggono sempre più debiti.

È lo scenario della nostra sanità in cui spunta il terzo incomodo: le assicurazioni che intravedono un grandissimo mercato da conquistare.

Il cambiamento che si sta verificando negli ultimi tempi è epocale e si sta progressivamente smantellando il Servizio sanitario nazionale creato nel 1978 per offrire assistenza e cura a tutti i citttadini, come raccontano Massimo Quezel e Francesco Carraro nel libro Salute spa (edizione Chiarelettere).

Per chi non lo conoscesse, Francesco Carraro è un validissimo scrittore, avvocato, editorialista, opinionista televisivo ed autore del libro “Salute spa” assieme a Massimo Quezel, patrocinatore stragiudiziale e appunto scrittore.

E vi ho nominato i due autori appunto perchè sono stati, col loro libro, un pò protagonisti della conferenza stampa di stamattina, dal momento che con il loro testo hanno messo un importante lente di ingrandimento sulla nostra sanità malata.

I due esperti hanno ripercorso le tappe di un progressivo “smantellamento della macchina sanitaria italiana e la creazione di un vuoto che le compagnie assicurative si sono preparate a riempire, trasformando il diritto alle cure in un’area riservata solo a chi ha denaro da spendere” come hanno spiegato stamattina.

Secondo gli autori i tagli hanno colpito tutti, soprattutto le fasce più deboli della popolazione.

Hanno incalzato Quezel e Carraro:
“Il 2015 ha visto nel nostro Paese 2,6 milioni di famiglie rinunciare alle cure per carenza di risorse. Più di 12 milioni di cittadini hanno procrastinato le cure, o addirittura vi hanno rinunciato, nel corso del 2017, per difficoltà finanziarie.
Attualmente su 148 miliardi di spese in sanità sostenute dai cittadini italiani, 36 sono a carico dei privati. Di questi 36, solo il 15 per cento passa attraverso polizze o fondi sanitari, spiegano Quezel e Carraro. In conclusione gli autori vedono la mano delle lobby dietro lo smantellamento della sanità pubblica”.

Prendendo spunto dal loro lavoro io e la collega Ricciardi abbiamo presentato un’importante interrogazione – inerente alle dissonanze e ai pericoli creati dal regime di autoassicurazione sanitaria – rispettivamente in Regione e al Senato.

E devo dire che le risposte dalla Campania sono già di per sè allucinanti, sintomo del fatto che Quezel e Carraro ci avevano visto bene! Abbiamo poi molto apprezzato l’intervento conclusivo del Presidente Sileri che ha ribadito l’impegno del Governo nel dare finalmente un volto nuovo al nostro sistema sanitario nazionale.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13836 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.