25 settembre 1595, Ponte Vecchio è “occupato” dagli orafi



C’è stato un tempo in cui Ponte Vecchio non esibiva certo la signorilità di oggi. C’è stato un tempo in cui, il ponte più famoso del mondo, non era palcoscenico di tanti negozi di orafo, ma di botteghe alimentari, per lo più macellai. Fino alla fine del XVI secolo, il nostro amato ponte, era più popolano che signorile, sempre nevralgico per l’importanza che rivestiva come luogo di approvvigionamento, ma molto meno elegante e raffinato. Un luogo che non difettava di pulsante vitalità, ma neanche di sporcizia e miasmi (i macellai erano soliti gettare frattaglie e scarti in Arno). Questo fino a quando, il Granduca Ferdinando I, non decise di spostare i “beccai” (così eran chiamati i macellai) e consegnare lo spazio ai più ricercati artigiani orafi. Perché il granduca fece tutto questo? La conquista di Siena e la seguente creazione del Granducato, portarono a modifiche urbanistiche importanti, Palazzo Vecchio fu ingrandito, furono costruiti gli Uffizi e Palazzo Pitti divenne la dimora granducale, ma soprattutto Giorgio Vasari costruì il corridoio che, correndo sopra Ponte Vecchio, univa Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti. Tutto questo nobilitò Ponte Vecchio al punto da doverlo “ripulire” e innalzare nel decoro. Evidentemente Ferdinando preferiva una bella collana ad una bella costata di manzo. Ma forse per il ponte non è cambiato poi molto, a pensarci bene i macellai sono gli orafi della distribuzione alimentare al dettaglio !…ci sia concessa la battuta

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20554 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.