Un punto di vista su Sergio Marchionne



E’ morto a Zurigo Sergio Marchionne. Chi è stato Marchionne che a soli 66 anni è scomparso?

E’ stato senza dubbio un grandissimo manager, forse il migliore; a mio avviso, però, solo per gli azionisti. E’ stato poco attento agli interessi non solo industriali ma anche dei lavoratori del nostro paese e vi spiego il perché.

I governi italiani gli hanno permesso di fare tutto senza chiedere nulla in cambio. Ad esempio dietro le “tonnellate” di ore di cassa integrazione, nessuno ha osato chiedere in cambio azioni delle aziende che rappresentava. A guadagnarci, così, sono stati solo gli azionisti.

Ricordate l’eccellenza di Mirafiori invidiata in tutto il mondo? Oggi c’è un deserto industriale.

Marchionne ha spostato il baricentro industriale del suo gruppo dall’Italia all’America, trasferendo la sede legale in Olanda e quella fiscale in Inghilterra.

Ha posto fine al contratto collettivo nazionale e nel 2011 ha indetto un referendum sul nuovo contratto dove il “Si” ha vinto solo perché c’era una velata minaccia di delocalizzazione; che fine ha fatto il nuovo piano per lo stabilimento di Pomigliano d’Arco?

Un contratto che ha visto aumentare, a detta di chi ha lavorato per lui, i ritmi in maniera insostenibile. Addirittura un operaio dello stabilimento Sevel (gruppo FCA) in Val di Sangro, non avendo ottenuto il permesso per recarsi in bagno durante il turno, è stato costretto ad urinarsi addosso. Un contratto che aumenta le incertezze per il futuro.

Un’etica del lavoro lontana anni luce dalla mia.

Nel 2011 le aziende capitanate da Marchionne hanno goduto del 23,2% del totale degli aiuti statali incassati a livello globale; non male per chi ha visto decrescere il numero dei lavoratori da 44.653 del 2003 ai quasi 29.000 di oggi. Il tutto condito da tanta cassa integrazione (leggi soldi degli italiani) e contratti di solidarietà.

Marchionne ha avuto brillanti idee che si sono trasformate in magnifiche realtà: vedi il rilancio dell’Alfa Romeo e lo sviluppo della locomozione elettrica su tutte.

Di Marchionne ricorderò due cose: la prima è la celebre frase “La Fiat potrebbe fare di più se potesse tagliare l’Italia”.

La seconda è che è stato, a mio modo di pensare, un ingranaggio di un sistema che vede i lavoratori solo come dei freddi numeri.

Per chi come me vuole l’economia al servizio dell’uomo e non viceversa, la politica manageriale di Marchionne non può che essere un esempio da non seguire.

Pace all’anima sua.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13362 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.