Regione Lazio, dopo oltre 15 anni approvato il piano del Parco dell’Appia Antica

parco appia antica



È stato approvato in Consiglio regionale il Piano del Parco dell’Appia Antica,
che coinvolge il territorio dei comuni di Roma, Ciampino e Marino, atteso da
oltre 15 anni.

Le parole dell’Assessore Onorati

È un importante traguardo raggiunto – dichiara l’Assessore Agricoltura, Promozione
della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali, Enrica Onorati
–  grazie al lavoro delle strutture regionali, della Commissione consiliare e del
Consiglio, che segna un passo fondamentale per la coesistenza e convivenza serena
di tutti i soggetti interessati a un territorio così esteso, parliamo di circa 3.400 ettari,
per la gran parte di proprietà privata.

Dopo oltre quindici anni, oggi il Parco dell’Appia Antica ha il suo Piano, basato su
un sereno connubio tra tutela ambientale, paesaggistica e archeologica e le esigenze
di sviluppo di un territorio protetto, sulla valorizzazione e sulla promozione di ogni
attività compatibile e sostenibile, partendo proprio dalle attività agricole che
caratterizzano un paesaggio unico della campagna romana, al cui interno, non
dimentichiamolo, abbiamo un vero e proprio tesoro archeologico.

Le conclusioni di Onorato

Punti fondamentali di uno strumento che possiamo definire multidisciplinare sono la
delocalizzazione delle attività incompatibili, la polifunzionalità agricola, la promozione
dell’agricoltura compatibile, gli interventi sulla mobilità e sulle attrezzature per la
fruizione di impianti sportivi e di campeggi.

Abbiamo concepito il Piano come un progetto di restauro territoriale, riprendendo
parzialmente gli obiettivi della legge istitutiva 66/1988 e puntando, oltre che alla
necessaria tutela dei beni ambientali, paesaggistici e storico-monumentali, anche alla
valorizzazione del territorio, attraverso la sua riconoscibilità.

Gli ambiti di intervento

Sono dieci gli ambiti di intervento previsti:

1. ricostituire l’unità territoriale e paesaggistica del Parco, capace di consentire una
fruizione continua del territorio, anche attraverso la realizzazione di una sentieristica;

2. eliminare l’abusivismo;

3. favorire la rinaturalizzazione delle vaste aree agricole;

4. mantenere e rafforzare gli elementi che garantiscono la continuità paesaggistica,
come le riperimetrazioni, gli interramenti, il sostegno all’attività agricola, le
indicazioni prescrittive per le proprietà private;

5. cambiare i criteri di mobilità delle aree interessate dal traffico di attraversamento
e realizzare opere che permettano la sola circolazione residenziale e turistica;

6. contribuire al bilancio ecologico della città di Roma Capitale, di Ciampino e di
Marino con azioni di tutela e di rafforzamento dei livelli di naturalità e con
l’alleggerimento dei processi di antropizzazione;

7. creare le condizioni per uno sviluppo sostenibile;

8. garantire le condizioni per ulteriori sviluppi e nuovi fasi della ricerca archeologica;

9. costruire una fruizione controllata con la partecipazione dei cittadini;

10. promuovere l’educazione ambientale ed una più generale cultura della tutela.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Samantha Lombardi 6368 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.