Ardea, due arresti per sequestro di persona e estorsione

carabinieri



I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, coadiuvati nella fase esecutiva dai militari
della Stazione Roma Tor Bella Monaca, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare
in carcere applicata dal Gip del Tribunale di  Roma, che ha pienamente condiviso la richiesta
del P.M. della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, nei confronti di due persone
ritenute responsabili, insieme ad altri complici in via di identificazione, del sequestro di
persona a scopo di estorsione di due fratelli di 47 e 54 anni di Ardea.

I fatti risalgono all’estate del 2017, ed esattamente alla serata del 20 agosto, quando i
Carabinieri della Tenenza di Ardea, a seguito di una segnalazione giunta presso il “112”,

intervennero in un’abitazione di Tor San Lorenzo per una segnalazione di sequestro di
persona.

I militari, non rinvenendo nessuno sul posto, diramarono immediatamente le ricerche
rintracciando le vittime solo nel corso della nottata.

I due, reticenti sin dall’inizio, tentarono di sminuire l’accaduto per il timore di ulteriori
ritorsioni.

Le indagini

Le indagini, condotte sotto la direzione del Procuratore Aggiunto della D.D.A. di Roma,
hanno consentito di ricostruire l’accaduto individuando, senza ombra di dubbio, 2 dei
quattro sequestratori.

Le attività di tipo tradizionale si sono basate, oltre che su alcune escussioni testimoniali,
sull’analisi del traffico telefonico delle parti in causa e, soprattutto, su una dettagliata
ricostruzione delle immagini estrapolate dalle telecamere installate presso un bar di
Tor San Lorenzo, luogo dove si è materialmente consumato il sequestro.

Le vittime e i loro aguzzini si incontrarono lì poco prima delle 22: i fratelli, che abitano
nei pressi del bar, furono prelevati e condotti, a bordo di due veicoli, in zona Torvajanica
dove gli aguzzini li trattennero per oltre un’ora.

Il sequestro, infatti, si concluse alle successive 23.20 circa, quando le vittime furono
rilasciate, sempre nei pressi del bar di Torvajanica, dietro il compenso di 800 euro,
somma nel frattempo reperita dal figlio di uno dei sequestrati con il quale gli aguzzini
si tennero in contatto telefonico per concordare le modalità del rilascio.

La pretesa, secondo quanto emerso, sarebbe stata avanzata quale “risarcimento” a
seguito di un furto di denaro per il quale erano stati accusati proprio i figli di una delle vittime.

Le indagini, condotte sinergicamente dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati e
della Compagnia di Anzio nella fase iniziale, si sono concentrate sin da subito su un gruppo
di soggetti, tutti con precedenti penali e frequentatori del quartiere di Tor Bella Monaca, che
nel periodo in cui si sono verificati i fatti si trovavano sul litorale per trascorrere alcuni giorni
di vacanza.

Ad entrambi gli arrestati è stata contestata anche l’aggravante di aver commesso il reato
mentre erano già sottoposti, uno all’affidamento in prova ai servizi sociali, l’altro alla
Sorveglianza Speciale.

I pregiudicati, rintracciati a Tor Bella Monaca, sono stati portati nella caserma del Comando
Gruppo di Frascati e, svolte le formalità di rito, associati nel carcere di Regina Coeli.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.