Ancora false fatturazioni in un motociclismo sempre più caro….



Ancora arresti per false fatturazioni nel mondo della velocità in moto.

Alcuni team sono sempre più delle vere e proprie lavatrici, che non hanno scrupoli a riciclare il denaro di origine illecita.

 

Questo schifo, a mio parere, viene alimentato anche dal fatto che le gare, anno dopo anno, diventano sempre più costose. Un aumento dei costi che se da un lato rende la pratica del motociclismo sempre meno universale, dall’altro permette l’aumento di interesse da parte di chi ha soldi da “pulire”.

 

In una fase dove girano pochi soldi “veri”, è molto più semplice cadere nella tentazione di emettere false fatture; è il cane che si morde la coda.

Il motociclismo, a ben vedere, è diventato un qualcosa che solo chi ha tanto denaro da spendere può praticare. Un’atleta professionista, di solito, viene pagato per le sue prestazioni; capita sempre più spesso, invece, che anche i più bravi debbano svenarsi per poter esprimere il proprio talento.

 

Uno schifo che mortifica sia il significato sportivo del motociclismo sia, attraverso il coinvolgimento di team compiacenti, il vivere civile e legale.

 

Cosa fare, allora, per rilanciare davvero le competizioni e far emergere nuovi talenti nostrani?

Semplice (uè ci sono arrivato io, vuoi vedere che lor signori non ci hanno pensato?): abbassare di molto i costi nelle competizioni nazionali. Occorre gareggiare con moto di serie, di cilindrata piccola e limitare allo stretto necessario le possibilità d’intervento.

 

A cosa servono 220 cavalli, l’elettronica da navicella spaziale e scarichi pregiati che neanche fossero di platino arricchito al plutonio?

 

Solo così i bravi avranno modo di dire la loro, senza doversi necessariamente presentare nel paddock con bilici e mega squadroni di tecnici a disposizione, dopo che i loro genitori e parenti hanno sganciato fior di quattrini per…..spè per far cosa? Ah, correre in moto. Questo, permettetemi, non chiamatelo motociclismo!

 

Foto: dagospia

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13417 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.