Torpignattara, Santori, FDI: “Finalmente chiude la moschea della vergogna”

torpignattara Fabrizio-Santori



La chiusura della moschea abusiva a Torpignattara è una bella notizia per i cittadini di un’area che da tempo ne denunciavano preoccupati la presenza in un box tramutato illegalmente in luogo di culto. Una segnalazione che abbiamo fatto nostra trasformandola in una battaglia che con la chiusura odierna abbiamo vinto, restituendo serenità alla cittadinanza.

I nostri esposti sugli abusi edilizi e i timori per la violazione delle norme sulla sicurezza erano fondati, e oggi finalmente la Polizia locale ha sequestrato la moschea. Non abbiamo mai mollato la presa, chiedendo sedute della commissione Trasparenza a Roma Capitale in cui abbiamo lamentato la lentezza dell’Amministrazione grillina che ha consentito abusi quali l’abbattimento di tramezzature e la realizzazione di bagni dentro locali previsti come box auto, con evidenti pericoli per la sicurezza degli abitanti delle palazzine soprastanti ed adiacenti.

Senza contare il mistero dello smarrimento del dossier che avevo presentato sulla moschea abusiva all’ufficio tecnico municipale e alla sindaca Raggi. Oggi esultiamo per questa vittoria, ma non abbassiamo la guardia sulle moschee abusive e continueremo a vigilare per contenere un fenomeno preoccupante che sta dilagando sul territorio.

E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.