Il Prof. Zecchi: “L’università italiana è fatta per trovare lavoro ai professori non per gli studenti.”



Il Prof. Stefano Zecchi commenta l’adozione del numero chiuso per le facoltà umanistiche alla Statale di Milano “I test di accesso alle facoltà a numero chiuso sono demenziali e il numero chiuso sulle facoltà umanistiche è una cosa cretina. Abbiamo bisogno di laureati ma se poi i ministri non hanno la laurea vuol dire che diamo poco valore allo studio. Quella italiana è un’università che serve a dare lavoro ai professori, non è stata pensata per gli studenti”.

Non solo medicina. Corsi di laurea a numero chiuso proliferano in tutto il Paese. Alla Statale di Milano dal prossimo autunno anche i corsi umanistici saranno a numero chiuso. Sul tema è intervenuto a Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano, il Prof. Stefano Zecchi. “E’ tutto sbagliato. Posso capire un controllo negli accessi per le facoltà di medicina o ingegneria, senza tener conto di come vengono selezionati i candidati ma sulle facoltà umanistiche la trovo una cosa assolutamente cretina: le possibilità di impiego sono le più varie e non calcolabili in alcun modo. Abbiamo bisogno di laureati che abbiano capacità di essere l’elite culturale del Paese, anche se è evidente che si riconosce poco valore alla laurea. Mi dispiace fare polemica ma abbiamo la ministra della pubblica istruzione, quella della sanità e quello della giustizia che non sono laureati”.

Rispetto alla mancanza dei professori negli atenei italiani: “il problema è che si è pensato a un’università per i professori, non per gli studenti. Quella italiana è un’università che serve a dare lavoro ai professori, non è stata pensata per gli studenti. E’ un’università in cui la selezione del corpo docente è una delle più disastrose che ci possa essere e i nodi stanno venendo al pettine. Si sta liquidando l’università al Sud, è inaccettabile”.

Sul parametro del rapporto tra studenti e professori, che sta mettendo in crisi gli atenei italiani costringendo le università a restringere l’accesso ai corsi. “I frequentanti sono meno della metà degli iscritti e la mortalità nelle iscrizioni tra il primo e il secondo anno tocca quasi il 50%. C’è un problema di tipo organizzativo da parte delle università che non si vuole risolvere, ad esempio attraverso una diversa modalità di organizzazione della didattica per le matricole. Siamo al grado zero, dovremmo ricominciare tutto da capo” ha ribadito il Prof. Zecchi.

La CRUI e il CUN stanno organizzando il G7 dell’Università in Italia a fine giugno dal titolo Education for All: “non mi inviteranno mai a questo appuntamento. La classe dirigente di un Paese deve formarsi attraverso la cultura e la nostra organizzazione accademica sta facendo acqua da tutte le parti. Bisogna avere il coraggio di mettere le mani dove nessuno ha mai voluto metterle. Ad esempio, il 3+2 è un fallimento su tutta la linea: doveva velocizzare l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e invece l’ha ritardato”.

AUDIO: 

http://www.tag24.it/wp-content/uploads/2017/06/INTV-ZECCHI-NUMERO-CHIUSO.mp3

Fonte: Radio Cusano Campus

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.