10 anni dalla morte di Welby: legge sull’eutanasia ancora ferma



Il 20 dicembre 2006 moriva Piergiorgio Welby.

Welby per molti anni aveva chiesto di staccare le macchine e morire, era ormai logorato dalla distrofia muscolare che lo aveva inchiodato a un letto, togliendogli del tutto la sua dignità di uomo.  Poco prima di morire mandò al presidente della repubblica, Giorgio Napolitano, una lettera in cui chiedeva l’eutanasia. Il 16 dicembre 2006 il tribunale di Roma respinse la sua richiesta, dichiarandola “inammissibile”, a causa del vuoto legislativo in materia.

Pochi giorni dopo Welby si congedò dai suoi amici e chiede al medico Marco Riccio di porre fine al suo lungo calvario. Il 20 dicembre 2006, con al suo fianco la moglie Mina, si liberò di quella che chiamava “una prigione infame”.

Dal 2006 oltre a dibattiti pubblici, discussioni e polemiche poco altro è stato fatto. Nell’ultimo anno qualcosa sembra esserci mosso: il 7 dicembre è stato approvato dalla Commissione affari sociali della Camera la proposta di legge sul testamento biologico.

Il testo base, che unifica 15 proposte in materia, è stato approvato all’unanimità. Dopo il 12 gennaio, tempo di scadenza per gli emendamenti, potrà partire l’iter alle Camere per arrivare ad avere il via libera prima della fine della legislatura. Alla base, ha spiegato la relatrice Donata Lenzi del Pd, c’è “il rispetto della volontà del paziente”, che “è vincolante per il medico e lo esime da responsabilità“. Dunque al cittadino viene riconosciuto il diritto a vedere rispettate le proprie dichiarazioni anticipate di trattamento, anche se si tratta di sospensione della nutrizione e della idratazione artificiale.

Ma se oggi la strada del testamento biologico sembra aperta, c’è anche una proposta di legge sull’eutanasia che invece è ferma in Parlamento. Si tratta di quella di iniziativa popolare depositata nel 2013 dai Radicali e dall’Associazione Luca Coscioni, che ha come prima firmataria la vedova Mina Welby. Il testo si compone di 4 articoli. Prevede, tra le altre cose, il diritto del cittadino “di rifiutare l’inizio o la prosecuzione di trattamenti sanitari”, compreso “il trattamento di sostegno vitale e/o terapia nutrizionale”, l’obbligo del medico a rispettare la volontà del paziente. Mentre l’articolo 4 chiarisce che “ogni persona può stilare un atto scritto”, con il quale “chiede l’applicazione dell’eutanasia”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.