Almaviva, Miccoli, PD: “Responsabilità dell’azienda e del sistema di delocalizzazione”



Marco Miccoli, deputato del Pd e membro della Commissione Lavoro della Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

La crisi di Almaviva. “E’ la più grande azienda in termini occupazionali della città, sono numeri drammatici i 2500 esuberi annunciati, di cui 1700 proprio su Roma –ha affermato Miccoli-. Purtroppo è una crisi profonda del settore, dovuta ad un insieme di fattori sui quali la politica da una parte è intervenuta, dall’altra non è riuscita a farlo in tempo. Almaviva era in sofferenza da un po’ di tempo, c’era stato già un accordo che aveva scongiurato migliaia di licenziamenti il 31 maggio scorso al Mise. L’accordo prevedeva di ritirare questi licenziamenti utilizzando gli ammortizzatori sociali. Invece adesso l’azienda ha annunciato questo esubero e queste modalità. La politica di spostamenti dalla Sicilia alla Calabria è abbastanza discutibile. Il settore subisce una concorrenza per via delle delocalizzazioni, molti preferiscono delocalizzare in Albania per ridurre i costi del lavoro.

Responsabilità. “Ci sono responsabilità anche dell’azienda perché se prima sottoscrive un accordo e poi 4 mesi dopo minaccia più di 2000 esuberi c’è un difetto di previsione e di gestione –ha dichiarato Miccoli-. Ovviamente non è solo colpa dell’azienda, è anche colpa di un sistema che si trasferisce all’estero. Noi abbiamo cercato di intervenire con le clausole sociali di salvaguardia per i cambi d’appalto. Questa misura però interviene sull’oggi. Una delle responsabilità politiche è quella di un ritardato intervento per migliorare questa legge sulle delocalizzazioni. Il Pd vuole introdurre una premialità in termini fiscali per le aziende che ritornano in Italia dall’estero”.

“All’inizio, 20 anni fa, questo era un lavoro di passaggio che molti giovani utilizzavano temporaneamente per poi approdare nel mondo del lavoro. Questi giovani ormai sono diventati 40enni, per lo più donne, rimaste precarie nel call center. Quello che sta succedendo è che l’ammortizzatore sociale non funziona più”

Fonte: Rado Cusano Campus

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.