Decreto abuso di diritto: gli evasori ringraziano



Mentre Renzi saluta il nuovo anno dalle piste di Courmayeur (raggiunta con volo di stato), gli italiani salutano il “decreto abuso di diritto”. Per alcuni nostri concittadini è motivo per continuare nei festeggiamenti anche dopo l’Epifania. Sì, perché il decreto legislativo varato dal Consiglio dei Ministri il 24 dicembre suonerà per loro come un inno a continuare a evadere ed eludere il fisco. A fine novembre il Renzi dei Matteo tanto alla moda nei salotti televisivi (entrambi, a mio parere, sono i lati della stessa moneta…), aveva affermato alla Scuola di Formazione della Guardia di Finanza: “E’ finito il tempo in cui i furbi avevano la meglio…il cittadino si deve sentire moralmente accompagnato…solo con l’adempimento con onore e disciplina di tutti e ciascuno…..riusciremo a cambiare il paese”.

Bene moralmente e giuridicamente solo chi evaderà 150.000 euro e non più 50.000 come ieri, sarà accompagnato materialmente (prescrizioni permettendo) al carcere. Le fatture false, poi, saranno reato solo se superiori ai 1.000 euro, altrimenti si tratta di semplice e meno punitivo illecito amministrativo; una multa e scusi se l’abbiamo disturbata mentre evadeva le tasse. Il decreto legislativo abuso di diritto va oltre: per la dichiarazione fraudolenta mediante artefici, solo chi ha sottratto al fisco 1,5 milioni di euro rischia la reclusione (prima la soglia era 1 milione). Dulcis in fundo, quando per il capo di gabinetto non è più momento di annunci in merito alla prescrizione, il raddoppio dei termini di decadenza scatterà solo se entro la data di scadenza ordinaria è stata presentata denuncia in procura; in pratica anche dopo aver sbagliato, basterà far leva sulle lungaggini processuali e……Dite la verità, a quanto vi è salita la bile? Vi chiederete com’è possibile che in un momento in cui chi non paga il canone Rai viene messo alla gogna, non viene punito chi sottrae enormi risorse alla comunità? Le maglie della giustizia invece di restringersi, si allargano e a farne le spese saranno sempre i poveri fessi. Sì, perché sembra di capire che per questo stato se paghi le tasse, se non fai affidamento sull’inefficienza giudiziale, se eviti di emettere fatture false, sei un fesso. In pratica chi evaderà molto (mica io e te, tranquillo…magari qualche grande impresa o banca) ma presterà attenzione alle proporzioni, non rischierà il carcere.

In un momento di forte crisi, dove a pagare per gli errori altrui sono sempre gli stessi, un decreto simile più che abusare del diritto, a mio avviso abusa della pazienza dei milioni d’italiani onesti che ogni santo giorno lottano per non far affondare le proprie aziende e i destini delle famiglie che ad esse sono collegate. L’annuncite del premier ancora una volta ha ingannato le aspettative di chi ha dato fiducia alle sue parole. Il tutto in barba anche del pensiero del comandante generale delle Fiamme Gialle, Saverio Capolupo, il quale ha bocciato quella che di fatto è una depenalizzazione dei reati tributari. Anno nuovo, vecchi malcostumi. Altro che rottamazione: si ricicla il peggio dei vizi della prima repubblica. Ma il tempo dei furbi, caro Renzi degli onnipresenti televisivi Matteo, non era finito?

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21423 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.