L’approfondimento – Roma non è fatta per i disabili, lo dicono i fatti



Giovedi abbiamo avuto la dimostrazione che Roma non è una città a misura di disabile e per verificarlo sono serviti la testardaggine di Claudio Palmulli e i muscoli di Simone Carabella insieme a Rufo Iannelli e Michele della Romanes Wheelchair Rugby.

Giovedi mattina abbiamo seguito Claudio, Simone, il Consigliere Comunale Daniele Frongia del M5S ed altri ragazzi disabili con i loro accompagnatori, in un viaggio all’interno della metro A di Roma, dove su 27 stazioni solo 10 sono attrezzate per permettere ai disabili di uscire in “superficie”. Abbiamo testato le stazioni Flaminio, Spagna, Barberini, Repubblica, Vittorio Emanuele e Termini, in queste stazioni si alternano scale di marmo e scale mobili, qui abbiamo appurato che i ragazzi hanno solo due alternative o farsi aiutare da qualcuno, che però si prenda la responsabilità di trascinarli sui gradini (o sorreggerli sulle scale mobili) oppure scegliere un’altra stazione attrezzata e magari distante dal luogo che si vuole raggiungere.

A Termini abbiamo subito testato l’inefficienza dei bagni attrezzati per i disabili, dove quello degli uomini non funzionava e i ragazzi si sono dovuti “arrangiare” nel bagno delle donne.
Per raggiungere i binari c’è solo un ascensore, piccolo e molto lento; ci è stato anche detto che quando piove si riempie d’acqua, diventando così inagibile.
La situazione non migliora nelle altre stazioni, dove alternativamente Claudio, Rufo e Michele hanno tentato di guadagnare l’uscita facendosi trainare di peso o sulle scale mobili o sui gradini.

Ci meravigliamo come sia possibile che un il sindaco di una grande città come Roma, dopo le numerose azione fatte da Simone e Claudio ha rilasciato una dichiarazione solo dopo che il famoso regista Bernardo Bertolucci si sia lamentato dell’inagibilità di Roma sul quotidiano “La Repubblica” e dichiarando che Piazza di Spagna è stata resa a misura di disabile.

Sembra assurdo, ma una città che non presta attenzione per i disabili, non ama i suoi cittadini e cosa che  lascia ancora più basiti è che anche nella disabilità ci siano cittadini di seria A e quelli di serie B.
Per crederci non vi resta che guardare questo filmato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13789 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.