Roma – In anteprima il film “A testa alta – i martiri di Fiesole”



Questa sera, alle ore 19.30, presso l’Aula Magna della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, alla presenza del Ministro della Difesa Sen. Roberta Pinotti e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Leonardo Gallitelli, verrà presentato in anteprima il film “A testa alta – i Martiri di Fiesole”.

L’iniziativa rientra nell’ambito degli eventi per le celebrazioni del Bicentenario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri dopo la presentazione del Sigaro “Pastrengo” da parte della Manifatture Sigaro Toscano, il varo di “Nave Carabiniere” presso il Bacino di Fincantieri di Riva Trigoso (GE), l’emissione della moneta da 2 Euro da parte dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e l’inaugurazione del Monumento “Pattuglia di Carabinieri nella tormenta” realizzata grazie alle generose offerte di privati, Associazioni, Enti e Amministrazioni comunali.

Numerose le autorità che hanno assicurato la loro presenza, tra cui il Sottosegretario alla Difesa On. Domenico Rossi, il Presidente della RAI Anna Maria Tarantola, il Direttore Generale della RAI Luigi Gubitosi, il Direttore di RAI Fiction Eleonora Andreatta, il Consigliere del Presidente della Repubblica per gli Affari Militari e del Consiglio Supremo di Difesa Generale Rolando Mosca Moschini, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di C.A. Claudio Graziano, il Capo del Corpo Forestale dello Stato Cesare Patrone, il Direttore dell’Aisi Generale di C.A. Arturo Esposito, il Presidente del Gruppo Medaglie d’Oro al V.M. Generale di B. Umberto Rocca, il Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo Generale di C.A. Libero Lo Sardo, i familiari dei Martiri di Fiesole, esponenti di tutti gli organismi di rappresentanza dell’Arma, nonché la Produzione del film, gli attori che hanno interpretato gli eroi e numerosi personaggi dello spettacolo.

Il film, realizzato da Ocean Productions per Rai Fiction, rievoca il sacrificio di tre giovani Carabinieri della Stazione di Fiesole che, come disse nel 1986 Papa Giovanni Paolo II dopo essersi raccolto in preghiera presso il loro monumento, “seppero offrire la propria vita per la libertà, per la pace e per la giustizia”.

Nel 1944 Alberto La Rocca, Fulvio Sbarretti e Vittorio Marandola erano tre Carabinieri poco più che ventenni in servizio presso la Stazione di Fiesole che, unitamente agli altri componenti del Reparto, pur continuando a svolgere i propri compiti istituzionali, cooperavano con le forze della Resistenza. Il 29 luglio di quell’anno, i tedeschi, che avevano intuito il collegamento tra la Caserma dei Carabinieri e la Resistenza, intercettano una staffetta portaordini composta da tre Carabinieri e un civile, catturando e fucilando immediatamente uno dei militari (Sebastiano Pandolfi – Medaglia d’Argento al Valor Militare) e il giovane partigiano. L’11 agosto successivo, il Comandante di Stazione, nel frattempo arrestato dai nazisti e riuscito a fuggire, riuscì a mettersi in contatto con i tre Carabinieri, ordinando loro di lasciare la caserma e di puntare su Firenze per ricongiungersi alle truppe alleate. I tre militari eseguirono l’ordine, ma non potendo attraversare le linee nemiche per raggiungere il capoluogo, si diedero alla macchia, costituendo una base operativa nell’antico anfiteatro di Fiesole.

Qui, il giorno successivo, vennero informati che i nazisti minacciavano la rappresaglia su 10 civili inermi se non si fossero consegnati immediatamente. Pur consapevoli del destino cui andavano incontro, La Rocca, Sbarretti e Marandola non esitarono a presentarsi al Comando tedesco, dove vennero arrestati e, poco dopo, fucilati. Il sacrificio valse a ciascuno dei tre Carabinieri la concessione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria.
La ferma volontà dei Carabinieri La Rocca, Sbarretti e Marandola, sacrificatisi volutamente per difendere la propria popolazione dalla sopraffazione e dalla violenza, rappresenta appieno la determinazione con la quale gli uomini e le donne dell’Arma, quotidianamente, da 200 anni, in Patria e all’estero, operano con il solo obiettivo di sostenere la propria comunità nell’affrontare le numerose difficoltà.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.