Arriva a Roma la Med Free Orkestra con il Tonnosubito tour

Ultime date estive per il Tonnosubito tour della multietnica Med Free Orkestra, che martedì prossimo 29 agosto torna nella capitale per salire sul palco del festival di Villa Ada – Roma incontra il mondo.
Tonnosubitoè il nome dell’ultimo album della band, ma è anche il titolo del nuovo spettacolo che, partito   dal palco del 1° Maggio a Roma, è proseguito con un tour estivo ricco di date su palchi di piazze e festival lungo tutta la penisola. Un live sempre più ricco di colore e calore, travolgente e pieno di energia, ma anche di denuncia e poesia.

Cinque Paesi, tre continenti e cinque lingue diverse, la Med Free Orkestra è un ensemble caleidoscopico e multietnico composto da sedici musicisti provenienti da varie aree del mondo, per rappresentare una delle esperienze più interessanti e originali nell’ambito musicale nazionale e del bacino del mediterraneo. Nei suoi live propone un pop-rock-balcanico-mediterraneo-orientale dando spazio alla musica mediterranea, a quella balcanica, klezmer, africana, e più in generale alla world music.

La formazione per il concerto di Villa Ada vedrà come special guest Matteo Gabbianelli dei Kutso alla voce e Andrea Ruggiero al violino.

Ma ecco la formazione completa:

Tess Amodeo Vickery Voce e Chitarra acustica

MarvanSamerOud e Voce

Alessandro Severa Fisarmonica

Vincenzo Vicaro Sax e Clarinetto

Francesco Fiore Tromba e Voce

Angelo Olivieri Tromba

Alessio Guzzon Tromba

IhorSvystun Trombone

Emiliano Bonafede Chitarra elettrica e Voce

Massimo Colagiovanni Chitarra elettrica

MoustaphaMbengue Percussioni africane e Voce

Riccardo Di Fiandra Basso Elettrico

Daniele di Pentima Batteria e Voce

Guest

Matteo Gabbianelli Voce

Andrea Ruggiero Violino

I video del giorno

Stefano Manduzio
Informazioni su Stefano Manduzio 380 Articoli
Surfista, videomaker, speaker e ideatore di Radio Fregene. Tra strumenti musicali, una mano di cera sulla tavola, un rendering sul Mac per preparare un video la sua giornata sembrerebbe piena e caotica, ma che in realtà è gestita dai ritmi della terra.