Operation Chromite (la Corea del Sud s’è desta)

Antefatto storico




Il 25 giugno 1950, la Corea del Nord invade la Corea del Sud con l’aiuto di Cina e Russia. Seul, capitale della Corea del Sud, cade in tre giorni e il resto del paese a nord del fiume Nakdong, cadrà in un mese. Per rispondere all’attacco nordcoreano il Generale dell’esercito americano MacArthur, comandante supremo delle forze Onu, pianifica uno sbarco nella città portuale di Incheon. L’operazione, con il nome in codice di “Operation Chromite”, ha pochissime probabilità di successo, ma assicurarsi Incheon è l’unico modo per cambiare le sorti della guerra. Sotto la guida di MacArthur, l’unità segreta speciale detta “X-Ray” riesce a infiltrarsi nella città di Incheon, occupata dai nordcoreani, per preparare lo sbarco delle forze Onu.

Il film. Nome in codice Operation Chromite.

Nel vagone di un treno in corsa, il comandante Jang Hak-soo” si dirige verso Incheon con la sua unità segreta speciale “X-Ray dopo aver assassinato soldati e ufficiali nordcoreani: viaggeranno sotto falso nome per acquisire più facilmente importanti informazioni. Mission Impossible da portare a termine ad ogni costo: in gioco c’è il futuro della nazione.
Durante un flash back analettico- caratterizzato dalla luce extradiegetica in bianco e nero- il capitano Jang Hak-soo spiega al generale MacArthur (un Liam Nelson un tantino artificioso) che accetterà la pericolosa missione proteggere la madre e “vendicare” suo padre.
Un riuscito montaggio parallelo narra le due differenti strategie militari: il generale americano studia le carte geografiche per attaccare la penisola coreana e il comandante nordcoreano Lim Gye –Jin si con i loro subalterni per difenderla strenuamente.
Proprio quando le spie sudcoreane sono sul punto di trafugare le mappe segrete, un ufficiale nordcoreano dà l’allarme e il piano segreto è scoperto.
La sequenza spartiacque è quella in cui i militari aprono il fuoco: la sparatoria “tutti contro tutti “termina con molte perdite umane da ambo le parti… ma le spie sudcoreane riescono a fuggire. Si dà inizio a inseguimenti concitati.
Il capitano Jang Hak-soo e gli altri superstiti si nascondono in un appartamento, dove vivono un collaborazionista e sua nipote, l’infermiera Han Chae-sun.
Dopo aver assistito al brutale omicidio del suo amato zio, con l’accusa di aver aiutato dei traditori amici dei capitalisti americani, la nostra eroina ha il compito di distrarre il comandante Lim Gye –Jin, autore della spietata esecuzione: Jang Hak-soo deve rapire un tenente nemico, che è al corrente di preziose informazioni.
Il film racconta molto bene come i civili si alleano con i militari per combattere l’invasore: tra i combattenti della resistenza sudcoreana- civili e militari- ci sono fratelli, sorelle, madri e padri che lottano fianco a fianco. Una di loro, caduta in combattimento, viene sepolta e sul terreno piantato come vessillo il suo cappello.
Data la massiccia presenza d’inseguimenti, resi appassionanti dal montaggio alternato in stile hollywoodiano, Operation Chromite fa parte del genere war film e allo stesso tempo evidenzia caratteri tipici del film di spionaggio. Rocamboleschi capovolgimenti di fronte con i nordcoreani sempre sul punto di catturare i cospiratori. Un bel film davvero!

Attori sud coreani che imparano il dialetto nordcoreano.
Il capitano coraggioso Jang Hak-soo interpretato dall’attore Lee Jung-Jae già apparso in altri film popolari in Corea, ha lavorato molto per affinare il suo accento nordcoreano riportando diverse ferite durante le riprese: dice di lui il regista che è un attore ricco di talento che sa rendere ogni sua battuta credibile.Il personaggio femminile dell’infermiera Han Chae-sun- interpretato da Jin Se-yeon- vive una sua evoluzione: da semplice cittadina diviene una valorosa combattente.La stessa attrice ha dichiarato: “ Visto l’enorme cambiamento emotivo, mi sono chiesta come potessi renderlo convincente per il pubblico: auspico che le persone che guardano questo film vedano i sacrifici fatti da coloro che hanno la loro vita per la nostra libertà”.Possiamo darle ragione riguardo la sua interpretazione perché è molto brava! Il comandante nordcoreano Lim Gye-jin è interpretato dall’attore LeeBum-soo: il regista John Lee è rimasto favorevolmente impressionato da come l’attore abbia appreso il dialetto nordcoreano e il russo in soli due mesi prima dell’inizio delle riprese sul set.

Altre notizie sul film.

La produzione ha creato dei set esterni che ricordassero quell’epoca, con l’ambientazione di Incheon negli anni ’50, non accontentandosi di una scenografia anonima di una città distrutta dalla guerra. Dai manifesti di propaganda appesi nelle strade ai mercatini, fino agli edifici riconvertiti in installazioni militari, cercando di ricreare Incheon fin nei minimi dettagli. Inoltre gli attori si son dovuti sottoporre a un’estenuante addestramento militare per imparare a manipolare correttamente vari tipi di arma da fuoco, oltre che ripetere alcune delle azioni già girate dai loro stuntmen, riportando ferite lievi, ma aggiungendo sicuramente un ulteriore strato di realismo al film.

Titoli di coda

Operation Chromite
Attori e interpreti

Lee Jung-jae Capitano Jang Hak-soo
Lee Bum-soo Gye-jin
Jin Se-yeon Han Chae-sun
Liam Neeson Generale MacArthur

Cast Tecnico
Regia John H. LEE
Prodotto da CHUNG Tae-won
Sceneggiatura LEE Man-hee
Sceneggiatura Originale CHUNG Tae-won
Adattamento KIM Jae-hwan, CHUNG Tae-won
Produttore YANG Chang-hoon
Fotografia PARK Jang-hyuck
Luci PARK Jun-gyu
Scenografia CHOI Ki-ho
Accessori di scena JANG Suk-hoon (Taereung Prop warehouse)
Set Design SHIN Soung-woon (Human Art)
Riprese PARK Jong-kun (K.P.A)
Trucco e parrucco JANG Jin (MASK)
Special makeup JANG Jin (MASK)
Costumi OH Sang-jin (Marumi)
Montaggio Steve M. CHOE, KIM Woo-hyun (C-47poststudio)
Musiche LEE Dong-june
Coreografie JEON Sang-joon, JEON Yu-joon (Plus)
Effetti speciali CHUNG Do-ahn (DEMOLITION)
Effetti visivi MOON Byung-yong (UFO)
Sound design PARK Jun-o (MOBY SOUND)
Digital intermediate KANG Sang-woo (DEXTER THE EYE)
Co-produttore Kyu C. LEE
Distribuzione internazionale FINECUT e CJ Entertainment
DISTRIBUITO in Italia da ALTRE STORIE

 

 

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 240 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.