Di Battista: “In tanti ancora non ci credono ma questo è un fatto”

In tanti ancora non ci credono ma questo è un fatto. Ad oggi ho restituito 198.759,35 euro. Soldi che, tra l’altro, mi spetterebbero per legge. Questo significa un bel po’ di cose:




1. Che ho restituito molto, ma molto, ma molto di più di quello che ho guadagnato. E ne vado fiero.
2. Ne vado fiero perché ho mantenuto un impegno che ritengo fondamentale.
3. Tante imprese italiane stanno ricevendo un sostegno grazie alle nostre restituzioni.
4. Si può fare politica con molti meno soldi. Basta volerlo.

Sia chiaro, io in questi 4 anni e mezzo per la mia attività politica ho speso tutto quel che ho ritenuto giusto spendere.

1. Sono andato in missioni all’estero (Kazakistan questione Shalabayeva; Londra incontro Assange, Ecuador, Russia questione sanzioni, Spagna) e tutte queste missioni le ho pagate con i soldi che gli altri parlamentari si tengono (quelli del mio stipendio) mica con i rimborsi elettorali che il M5S rifiuta.
2. Ho due fantastici collaboratori che chiaramente pago ogni mese.
3. Per 6 mesi ho pagato una consulenza ad un grafico.
4. Ho girato in lungo e in largo l’Italia dormendo anche in hotel quando è stato necessario.
5. Ho organizzato un tour in moto a difesa della Costituzione (tra l’altro quella moto, pagata 7.500 euro l’ho comprata con i soldi miei e rivenduta a oltre 10.000 euro, soldi che ho interamente destinato ai terremotati).
6. Ho un contratto importante per il traffico internet.

Insomma, non mi sono fatto mancare nulla. Proprio nulla. Eppure sono riuscito (ad oggi) a restituire quasi 200.000 euro che fanno comodo alle piccole e medie imprese come, e ve lo dico senza ipocrisia, farebbero molto comodo anche a me.

Non si cambia l’Italia con 200.000 euro per carità. Ma forse, rispettando gli impegni e la parola data sì. A riveder le stelle!

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8940 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.