MotoGp, Assen: trionfo Rossi

Ad Assen è una domenica tricolore, Valentino Rossi (Movistar Yamaha) vince l’ottavo GP della stagione battendo un combattivo Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing). Andrea Dovizioso (Ducati Team) è protagonista di una gara in rimonta e, pur perdendo la sfida per l’ultimo gradino del podio, sale al comando della classifica iridata anche grazie allo zero di Maverick Viñales (Movistar Yamaha), caduto a meno quindici giri dalla fine. Dopo oltre 365 giorni Rossi torna sul gradino più alto del podio, Petrucci è al suo secondo arrivo nelle posizioni che contano e una Ducati in testa al campionato non si vedeva dal 2009 con Casey Stoner.




Nel primo pomeriggio sulla pista della Drenthe le condizioni climatiche sembrano essersi stabilizzate, il cielo resta grigio e la temperatura non raggiunge i venti gradi. La mattinata domenicale è stata segnata dalla pioggia che ha bagnato il warm up nel quale Jack Miller (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) è stato il più veloce. L’australiano, vincitore qui nel 2016, adesso inizierà la gara dalla quinta fila e chiuderà vicino ai primi cinque.

Griglia di partenza comandata da Johann Zarco (Monster Tech 3) alla sua prima partenza al palo dopo pochi mesi di MotoGP™. Al fianco del transalpino su M1, Marc Marquez (Repsol Honda) e Petrucci. Valentino apre la seconda fila mentre Andrea Dovizioso chiude la terza. Viñales, leder iridato del team Movistar Yamaha è in undicesima casella. Condizioni della pista in miglioramento e quasi asciutta grazie alla brezza che batte sull’asfalto olandese ma le precipitazioni torneranno negli ultimi giri di una gara che sarà senza dubbio la più spettacolare fino ad ora.

Rossi inizia la sua prova recuperando una posizione ai danni di Petrucci. Poi si stabilizza all’inseguimento del due di testa formato da Zarco e Marquez con una scelta di gomme ricaduta con mescola media davanti e dura dietro. Al decimo giro è secondo dopo avere avuto la meglio su Marquez e poi su Zarco. Il francese reagisce e i due si toccano. Ma per il nove volte iridato la lotta vera arriva adesso provando a contrastare un arrembante Petrucci. Tra gli italiani sono scintille e la DesmosediciGP numero 9 più volte è davanti alla M1 di Rossi. Alla fine l’uomo Yamaha impone la sua parola che ad Assen diventa legge. Petrucci è battuto e per Rossi è va vittoria numero 115, il primo successo stagionale atteso del GP di Catalogna 2016.

Dopo lo spegnersi del semaforo Petrucci subisce l’attacco del Dottore ed è quarto. Lo incalza anche il compagno di box Scott Redding che è quinto. Ma il britannico cederà presto e il pilota Fiamme Oro, con il treno di testa, allungherà di oltre due secondi. Petrucci ha poi la meglio su Marquez dopo sedici giri e conquista il secondo posto. A meno otto passaggi dalla fine il ternano mette la sua Ducati davanti alla M1 del Dottore. Tra i due connazionali sono scintille quando la pioggia inizia a bagnare l’asfalto delle Drenthe. Petrux ci proverà fino alla fine a battere Valentino ma chiude con una bella piazza d’onore, un po’ di delusione e 20 punti iridati importanti.

Zarco parte bene e pulito, dopo due curve ha già un certo margine su Marquez forte anche della doppia mescola morbida. Resta al comando fino a quasi metà gara prima di cedere al sorpasso di Rossi per poi chiudere come quattordicesimo dopo avere provato la mossa del cambio di moto alle prime precipitazioni e aver subito la penalizzazione del passaggio nella pit lane. Per Jonas Folger, secondo pilota Tech 3, un fuori pista iniziale dopo l’avvio dalla sesta piazza e una caduta alla curva 1

In avvio Marquez tiene la seconda posizione ma già dai primi giri sembra avere un passo più lento del francese. Fa di tutto per recuperare terreno, anche un paio di ‘salvate’ miracolose e, quando Zarco cede un poco, il talento di Cervera gli è subito vicino sorpassandolo poco dopo. Ma il campione del mondo in carica non riesce a tener il passo dei due italiani e alla fine lotta, su una pista che inizia a bagnarsi, con Dovizioso e Cal Crutchlow (LCR Honda). Una zampata finale lo fa salire sul podio con punti iridati importanti.

l britannico su Honda satellite infatti entra nel fuoco della lotta per il terzo posto. Il duello a tre con Marquez e Dovizioso emoziona come quello di testa e il numero 35 su RC213V satellite chiude come quarto.

Dovizioso inizia tenendo un ritmo stabile che gli consente restare agganciato ai primi. A meno otto giri dalla fine, è terzo con due sorpassi puliti su Zarco e Marquez. Prova a prendere le posizioni di testa ma Marquez non molla e la tra i due si accende sotto la pioggia. Nelle scintille tra la Honda e la moto di Borgo Panigale entra un’altra RC213V, quella di Crutchlow. Per il forlivese è un quinto posto, 11 punti che rappresentano il primato iridato grazie allo zero di Viñales.

La partenza del leader iridato è però buona, recupera due posizioni e, a mano venti giri, è nono. Quando è sesto, a metà gara, l’ingresso alla curva 21 gli costa il primato in classifica generale. Viñales perde la ruota dietro e cade ritirandosi. Ora è a meno quattro punti dal forlivese.

Per Iannone una bella partenza e il recupero di posizioni. Al quarto giro segna il passaggio più veloce e ha la meglio sull’ex compagno di box Dovizioso prima che questi inizi la sua rimonta per andare a podio. Il portacolori Suzuki Ecstar sarà nono e meglio di lui Miller, sesto, settimo Karel Abraham (Pull&Bear Aspar) e Loris Baz (Avintia Racing)

Per Dani Pedrosa (Repsol Honda) e Jorge Lorenzo (Ducati Team) non una domenica facile, il numero 26 HRC chiude come tredicesimo e il maiorchino come quindicesimo.

La prima Aprilia è quella di Aleix Espargaro che taglia il traguardo in decima piazza con Alex Lowes vittima di una caduta.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.