Divorzio e pregiudizio

Che cos’è il matrimonio se non il coronamento di un progetto d’amore? Bene, come tanti progetti, malgrado le buone intenzioni, può contenere degli errori che si rivelano col passare del tempo. Non è  lo stesso di quando, piastrellando il bagno, ci si accorge che non bastano le piastrelle. Li, se l’architetto è bravo, viene fuori una soluzione creativa  che fa del proprio bagno il più bello della città. Forse un matrimonio progettato male somiglia  più a qualcuno che ti aveva promesso un trilocale luminoso, con doppi servizi, giardino e box auto e invece  ti  ha rifilato un monolocale, senza affaccio, con i servizi dietro la porta d’ingresso e il posto auto  che, se vuoi parcheggiare, devi scarpinare per due chilometri.

Onde evitare quest’ approccio al matrimonio da padrone di casa ad affittuario i Supremi giudici della Corte di Cassazione hanno emesso una sentenza, la  n° 11504 dell’11/5/2017, in cui sostanzialmente affermano che chi contrae matrimonio lo fa in totale libertà e coscienza. Detto in soldoni “a proprio rischio e pericolo” perciò chi  scambia il “si coniugale”  per la stipula di un contratto di lavoro o di un’assicurazione incorre in errore. I  contraenti in matrimonio facciano affidamento sulle personali risorse  in quanto, in caso di rottura al partner  che lo chiede dovrà  essere assicurata la sola autosufficienza.

Tralasciando i gossip, che hanno ventilato il riconteggio di robusti assegni divorzili di coppie facoltose, qualche preoccupazione è corsa fra le mogli passate, presenti e future, tutte ad  interrogarsi sull’esatto significato del termine autosufficienza.  Ci sono stati consulti con l’amica del cuore  per decidere se una giornata al mare spiaggia libera e pranzo al sacco, potrà essere considerata un lusso. Nel dubbio meglio togliere la coca-cola e il gelato, zero sprechi e pure meno calorie. Il principio della piena eguaglianza dei coniugi ha sicuramente ispirato la sentenza della Cassazione, che poi sarà declinata  ponderatamente nei singoli casi. Eppure lo spettro della sussistenza agita i sonni delle  donne italiane, verso cui, giova ricordarlo, la società non è mai stata particolarmente tenera, nell’offrire ad esempio  opportunità di lavoro e progressione sociale. Non si può dimenticare  che  per seguire figli, menage domestico e curare  genitori anziani o parenti malati, molte donne abbiano rinunciato a lavorare e quindi ad una fonte di reddito autonomo ritrovandosi in età matura a cercare un ‘occupazione, che non trovano neppure le persone più giovani!

Ma il vero rompicapo è la parola autosufficienza  e per chiarirne ogni sfaccettatura  si compulsano vocabolari, si cercano lumi su internet, si prova a  minacciarla con  uno “spelling”: vediamo se ridotta a lettera per lettera fai meno paura! In attesa degli eventi le divorziate e le signore in procinto di diventarlo, angosciate  più  delle prime, spuntano gli eccessi da una lista immaginaria in cerca del superfluo. E’ una lista  spuntata spesso negli ultimi anni per la crisi, per l’aumento dell’inflazione, per i generi alimentari  che, facendo il caso di frutta e verdura, hanno prezzi  in costante aumento. Tocca eliminare  i lussi,  così  rimangono pane, latte, pomodori, mozzarella… Mozzarella? Quella buona, vera delizia  per il palato se è fresca? Forse è superflua anche la mozzarella. Ah, ecco che cos’è l’autosufficienza…

loading...