MotoGp, Valencia 2016: la pagella del Dicos

JORGE LORENZO 110 e lode: Pole position e vittoria ottenuta sempre al comando. Lo spagnolo chiude l’esperienza giapponese con un successo, che lo porta a quota quattro nei bottini stagionali (il doppio del miglior Vale). Per come ha guidato in questo fine settimana cresce in me la convinzione che quest’anno se certe firme non avessero pesato, avremmo avuto lui come campione del mondo. Magnifico!

 

MARC MARQUEZ 9: Con un mezzo che ha sofferto l’asfalto valenciano, ottiene la piazza d’onore. Nel finale, addirittura, riesce quasi a divorare del tutto il vantaggio del connazionale sulla M1. Risultato che evidenzia quanto quest’anno nel titolo ci sia il suo polso. Bravo!

 

ANDREA IANNONE 8,5: Saluta l’avventura desmodromica con un bel podio. Ingaggia più volte duelli con il Vale e a suon di caparbietà e desmocavalli la spunta. Ridicolo chi ha preteso che non doveva resistere agli attacchi di Rossi; cos’è Andrea non aveva diritto a giocarsi le sue carte e provare a fare meglio? Dispiace la piccola polemica che è seguita all’addio ducatista. L’anno prossimo sapremo se ad aver ragione sarà lui o la casa di Borgo Panigale. Bene!

 

VALENTINO ROSSI 4: L’anno scorso con il biscotto, quarto. Quest’anno senza biscotto, quarto. In gara prende una paga pazzesca da Lorenzo e non digerisce gli attacchi desmodromici di chi come lui gareggia. La stagione del miglior Vale si conclude con gli stessi successi di Crutchlow che, a differenza sua, non guida la miglior moto. La prima guida della Yamaha quest’anno ha fallito, punto. Certo è arrivato secondo, ma quando cavalchi la regina delle due ruote o diventi un re o un somaro. Non ottimo e non abbondante!

 

YAMAHA: La regina che ha ripudiato un re in grado di offrirle l’impero del 2016.

 

HONDA: Una contessa che è diventata regina grazie ad un cavaliere straordinario.

 

DUCATI: Principessa in attesa del bacio del principe vincente.

 

SUZUKI: Nobildonna dal sangue blu.

 

APRILIA: Borghese.

 

KTM: Proletaria.

 

TITOLO ROOKIE OF THE YEAR: Nella Moto3 fino all’altro ieri, per alcuni, questo titolo valeva più del titolo mondiale. Poi…..Meno occhiali da sole, meno pose da prima donna, più umiltà e soprattutto prima di parlare accendere il cervello…..

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8339 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.